I luoghi della felicità

210690

Ritornare in un luogo in cui siamo stati felici è sempre un momento unico e irripetibile.
Se ci fosse uno scatto fotografico istantaneo ad immortalare l’espressione del nostro volto, non sono certa che sarebbe in grado di cogliere tutte quelle impressioni, quegli stati d’animo che si accavallano e si rincorrono colorati di mille sfumature, pronti a competere tra di loro per occupare un posto in prima fila nel nostro cuore.
Sorridono gli occhi, compiaciuti per lo spettacolo che si presenta dinnanzi a loro che, in fondo, non ha nulla di straordinario se non riportare in superficie le memorie del cuore.
Realizzano una repentina panoramica nel tentativo di verificare, speranzosi ed anche timorosi, che tutto sia rimasto al suo posto.
Ma gli occhi ci sembrano già poco esaustivi. Infatti, superato l’impatto iniziale, si avverte l’esigenza di toccare, prendere contatto con tutto ciò che capita sotto lo sguardo.

Bisogna possedere ogni cosa con le mani per avere la certezza che non sia mutata la forma o la consistenza e che l’antico profumo possa ancora assalire le nostre narici.
Ci sono momenti in cui quella frenesia sembra addirittura spegnere ogni connessione con la realtà.
Vorremmo che i luoghi della felicità rimanessero incontaminati, tenuti al riparo da tutto ciò che potrebbe far perdere loro la freschezza, la genuinità, la bellezza.

Vorremmo, quindi, che la nostra mente avesse nei loro confronti il medesimo trasporto… sempre.
Però accade anche che, pur ritrovando ogni cosa al proprio posto, ci rendiamo conto che, ad essere cambiati, siamo proprio noi. Per diverse motivazioni non avvertiamo più la stessa disponibilità, per cui non ci lasciamo coinvolgere e trasportare… come accadeva un tempo.

Piera Messinese

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleGio Evan a Vibo Valentia
Next articleMolte vite, un solo amore
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here