“Homo Sapiens di Neanderthal” e le nostre origini

146141

Sono sempre stata affascinata dalla Storia, soprattutto quando si affrontava l’argomento riguardante la “Preistoria”

Nelle scuole, si sa, gli argomenti si studiano in modo superficiale, ma col trascorrere degli anni, ci si pongono mille domande alle quali si cerca di dare delle risposte.

Qual è la vera origine dell’Uomo?

Nel Vecchio Testamento della Sacra Bibbia, è riportato  che l’origine dell’uomo ebbe inizio con Adamo ed Eva; che Dio li creò a sua immagine e somiglianza e tutto ciò è sempre stato riportato nelle Sacre Scritture e insegnato alla gente.

Ma attraverso studi approfonditi di scenziati, svariate ricerche e scoperte di archeologi, è oramai assodato che discendiamo dalle scimmie.

Ultimamente mi sono documentata e devo dire che sono rimasta affascinata per come i nostri antenati si siano evoluti nel tempo.

Nel lontano 1856, prima che Charles Darwin pubblicasse il suo libro sull’origine della specie umana, nella valle del fiume Neander, in Germania, furono rinvenuti i fossili di un cranio, e le ossa degli arti appartenenti ad un essere umano, con caratteristiche strutturali molto particolari.

I suoi arti inferiori erano arcuati e la zona frontale era molto sporgente.

Alcuni studiosi pensarono si trattasse di un uomo che aveva trascorso gran parte dell’esistenza a cavallo, altri che fosse un soldato Polacco dell’esercito Russo che aveva combattuto contro Napoleone, altri ancora pensarono fosse deforme o gravemente malato.

Dopo studi approfonditi, a questo esemplare fu dato il nome di “ Uomo di Neanderthal”

Molti pensarano che abitasse nelle caverne per l’andatura curva in avanti come quella delle attuali scimmie atropomorfe.

Ma  dopo altre svariate ricerche, gli è stato attribuito il nome di “Homo Sapiens di Nearderthal” che è la sottospecie dell’Homo Sapiens, seguita dall’attuale  categoria dell’Homo Sapiens Sapiens alla quale apparteniamo noi.

Tutto ciò è scaturito in base all’intelligenza delle svariate specie, che nel tempo sie è sempre più accentuata.

Da questo, quindi,  possiamo determinare che, nei millenni, l’uomo ha avuto un iter evolutivo fino ai giorni nostri.

Rimane, comunque, che i nostri veri antenati erano delle scimmie ed hanno abitato l’Africa almeno 3,5 milioni di anni or sono.

Con il tempo, in base al cambiamento di clima, al cibo più sofisticato,  e alle varie zone in cui si andavano spostando, assumevano un aspetto migliore fino ad addolcire i lineamenti ed assumere una posizione eretta fino ai giorni nostri.

Grazia Bologna

Per leggere il mio articolo precedente, clikkare sulla foto:

Previous article“La magia dei ricordi” di T. Nechita
Next articleAnton Giulio Grande premiato a Firenze
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho rafforzato il mio “Estro Artistico” ispirandomi, soprattutto, all’Amore verso la Vita e alla Foto. Adoro tutto ciò che è arte. A volte posso rimanere ore ed ore ad ammirare un quadro ed emozionarmi. Amo viaggiare perché mi porta ad esplorare nuove culture, ma sono orgogliosa di vivere nella mia amata Sicilia che mi regala paesaggi di mare che, per me, sono un’immensa fonte d’ispirazione. Ho partecipato a vari Concorsi di Poesie e Racconti in cui ho raggiunto, per ben due volte il Podio, ed ho ricevuto varie menzioni e premi speciali. Imprenditrice in attività di Call Center, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private, trattando varie problematiche legate alla famiglia. Da Marzo 2018 collaboro con “ScrepMagazine” come Socio di Accademia Edizioni ed Eventi curando la rubrica “Racconti di Vita Vissuta” e trattando argomenti vari.

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here