“Con la grazia di un Dio” la Calabria Film Commission a Venezia

228051

LA CALABRIA FILM COMMISSION OGGI ALLE GIORNATE DEGLI AUTORI DI VENEZIA

CON IL FILM “CON LA GRAZIA DI UN DIO

Primo appuntamento per la Calabria Film Commission oggi alla Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia con il film “Con la grazia di un Dio”, che sarà presentato nell’ ambito delle Giornate degli Autori, nella sezione “Notti Veneziane”, alle ore 21 nella Sala Laguna.
Di genere drammatico, diretto da Alessandro Roia e patrocinato dalla Calabria Film Commission, il film è prodotto da Bartleby Film e Rai Cinema. Alcune immagini del lavoro cinematografico si sono svolte nell’incantevole scenario di Caminia, nel Catanzarese, evidenziando la suggestione del paesaggio e l’incantevole bellezza del mare di Calabria.

Sinossi
Tornato a Genova dopo venticinque anni per partecipare ai funerali del migliore amico della sua giovinezza, Luca ritrova i vecchi compagni di un tempo. Tutti sembrano convinti che quella morte sia l’esito scontato di una vita di eccessi. Tutti tranne Luca, che vuole vederci chiaro, indagare, capire. Scavando nella memoria, e in una città cambiata almeno quanto lui, lascerà riaffiorare fantasmi e verità che sembravano sepolte, insieme alla propria vera natura, che pensava di aver domato per sempre.

Note di regia:
Genere: Drammatico
Nazione: Italia – 2023
Formato: Colore
Produzione: Bartlebyfilm, Rai Cinema
CAST E PERSONAGGI
Regia: Alessandro Roia
Sceneggiatura: Ivano Fachin, Alessandro Roja
Cast: Tommaso Ragno, Maya Sansa, Sergio Romano, Ahmed  Hafiene, Roberta Mattei, Aldo Ottobrino
Musiche: Lyra Pramuk
Fotografia: Massimiliano Kuveiller
Scenografia: Gaia Moltedo
Montaggio: Marco Spoletini
Costumi: Silvia Segoloni

Previous articleUna nuova politica per combattere ogni “desertificazione”
Next article“9 domande 9 a…” Mara Venuto, poeta e drammaturga
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here