“Cannalivari” di Maria Cristina Adragna

222330

CANNALIVARI

Cannalivari era un masculu furfanti
chi passava li iurnati a fari dannu,
tutti l’atri sunnu sulu principianti
e li cosi chi fa iddu un ni li fannu.

Ci tirava la curidda all’attaredda,
ci arrubbava carameli a lu putiàru,
ìa rirennu appressu a fimmina chiù bedda
e sfuttìa li cuddureddi ru furnàru :
“Chi su lari sti viscotta,
fannu fetu e su scassati,
pari c’appiru na botta
e chi foru scafazzati!”

Quannu parsi ali cristiani ,
chi s’avianu disfiziatu,
si parraru tra paesani
pi circari ù disgraziatu!

L’affirraru p’à cammisa,
lu stricaru muru muru,
cu na mossa assai decisa
lu spugghiaru tuttu nuru.

E rirennuci nta facci ,
comu spissu fici iddu,
lu lassaru senza stracci
a trimar comu un cardiddu.

Accussì Cannalivari,
pi sta gran mala fiura,
lestu lestu sì iu ammucciari
misu da, nta quattru mura.

E di tannu si sta arrassu
picchì un voli chiù affacciari,
e pi fari puru un passo
iddu sav’a m’ mascarari.

Maria Cristina Adragna

CARNEVALE

Carnevale era un uomo furfante che passava le giornate a fare danno, tutti gli altri sono solo principianti e le cose che fa lui non le fanno. Tirava la coda alla gattina, rubava le caramelle al negoziante, rideva dietro alla donna più bella e prendeva in giro i dolci del fornaio:” come sono brutti questi biscotti, fanno puzza e sono rotti, sembra che abbiano subito un trauma e che sono stati schiacciati.” Ad un certo punto, le persone che non ne potevano più parlarono tra loro per cercare il disgraziato. Lo afferrarono per la camicia, lo strofinarono lungo il muro, con una mossa molto decisa lo spogliarono tutto nudo. E ridendogli in faccia, come spesso aveva fatto lui, lo lasciarono senza vesti a tremare come un cardellino. Così, Carnavale, per questa gran brutta figura, celermente andò a nascondersi tra quattro mura. E da allora sta lontano da tutti perché non vuole più figurare e per fare pure un passo lui si deve mascherare

Previous articleLE RECENSIONI DEL SABATO
Next articleFranco Califano: il Califfo
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here