Benvenuto in Calabria Stanley Tucci

179134

La Fondazione Calabria Film Commission, guidata dal Commissario Straordinario Anton Giulio Grande, dà il benvenuto a Stanley Tucci: l’attore, di origini calabresi (nonni di Marzi, stessa città natale del premio Oscar Mauro Fiore e Serra San Bruno, mamma di Cittanova).

Stanley Tucci in questi giorni sta girando, in vari luoghi della regione, una puntata della nuova stagione della serie tv della Cnn: Searching for Italy.

Un viaggio che Tucci (protagonista di tanti film di successo, da Big Night ad Amabili resti, da Era mio padre a Il diavolo veste Prada) compie tra le regioni italiane, mostrandone storia e bellezze attraverso un percorso tra le tradizioni gastronomiche: una serie che, nella prima stagione, ha riscosso notevole successo in Usa, ottenendo due nomination agli Emmy Awards.

Una bella notizia per tutti, ospitare un grande attore come Stanley Tucci e questa importante produzione, per la quale la Fondazione ha garantito, insieme alle municipalità, il supporto tecnico e logistico, nella fase di preparazione.

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous article“I sassi della memoria” di Grazia Bologna
Next article“Non sono mai tornata indietro”
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here