“Amami così” di Maria Cristina Adragna

196497

AMAMI COSÌ

Amami così,
come le nuvole invaghite del cielo,
come l’ape ipnotizzata dall’ortensia,
come un pescatore incatenato al suo mare.
Amami senza esitare,
come le madri che idolatrano gli infanti,
con l’incoscienza dei giovanissimi amanti,
come una prece che vuol giungere a Dio.
Amami con grande desìo,
come un pittore che si ciba dei colori,
come il poeta catturato dai fiori,
quando il suo ossigeno diventa l’inchiostro.
Sono l’amore che passeggia sui tuoi campi
e ti regala la bellezza dei suoi anni…
amami come si ama l’aria,
l’eterea alba,
la nostra essenza,
amami come se fosse oggi
l’ultimo giorno della tua esistenza. 

Maria Cristina Adragna 

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleTra le righe del tempo… di Grazia Bologna
Next articleLa festa della Repubblica di Jovanotti
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here