“Adoremus” di Maria Cristina Adragna

126974

Egli è nato…

ADOREMUS

Insignito della gloria
e degli onori universali,
concepito dalla grazia
di Fanciulla senza macchia:
“adoremus!” “Adoremus!”

Le fragranze dell’altrove
destan gaie i sobri sensi,
concedendo un fil d’ebbrezza,
elargendo una carezza.

Tre sciamani, i talismani,
profezie, sapienza,unguenti:
“adoremus!” “Adoremus!”
Non è il Re di poche genti!

Egli è il sommo,
il mite agnello,
l’intelletto, il pane sacro:
“adoremus!” “Adoremus!”
Quasi innanzi a un simulacro.

Innocente idolatrato
da un’umanità plebea,
tristemente alla deriva
come atavica pangea.

Sta ansimando l’universo,
pei fardelli e i troppi nei…
“Adoremus… Adoremus”…
“Adoremus Filium Dei!”

“Ti aspetto” di Maria Cristina Adragna

 

Previous articleLa Storia della Stella Cometa
Next article“Il silenzio che parla” di T. Nechita
Siciliana, nasco a Palermo e risiedo ad Alcamo. Nel 2002 conseguo la Maturità Classica e nel 2007 mi laureo in Psicologia presso l'Università di Palermo. Lavoro per diverso tempo presso centri per minori a rischio in qualità di componente dell'equipe psicopedagogica e sperimento l'insegnamento presso istituti di formazione per operatori di comunità. Da sempre mi dedico alla scrittura, imprescindibile esigenza di tutta una vita. Nel 2018 pubblico la mia prima raccolta di liriche dal titolo "Aliti inversi" e nel 2019 offro un contributo all'interno del volume "Donna sacra di Sicilia", con una poesia dal titolo "La Baronessa di Carini" e un articolo, scritti interamente in lingua siciliana. Amo anche la recitazione. Mi piace definire la poesia come "summa imprescindibile ed inscindibile di vissuti significativi e di emozioni graffianti, scaturente da un processo di attenta ricerca e di introspezione". Sono Socia di Accademia Edizioni ed Eventi e Blogger di SCREPmagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here