Tra le acque di Rio

171479

Gli occhi di Giovanni roteavano sconfitti su quelle pagine di Diario, pagine di un’esistenza in cui il sole si era nascosto da molto tempo ormai:

Ginevra era diventata un’onda dell’immenso oceano, era ritornata all’acqua e al sale.

Giovanni sperava che ora i suoi occhi spenti avessero ripreso a brillare della luce dell’infinito. È difficile, da radicati e prigionieri della Terra, immaginare l’infinito, immaginare la persona amata libera di quella libertà che gli esseri terreni non possono pienamente comprendere.

Leggere o non leggere quelle pagine di diario?

Giovanni non era sicuro di potersi arrogare il diritto di conoscere i segreti della donna con la quale aveva condiviso la fatica del vivere.

Dopotutto, si diventa estranei, quando, la Ginevra affascinante ed elegante, ai bordi delle piscine più belle del mondo, si era trasformata in aria.

Quella donna, affascinante ed elegante, che negli ultimi tempi poteva solo immaginare o ricordare i colori e le sue sfumature, aveva continuato a regalare il suo splendido sorriso, finché decise di divenire impalpabile pensiero.

Giovanni richiuse il quaderno dalla copertina verde, almeno per il momento, iniziando a leggere i messaggi di Ginevra sulle acque blu che lo circondavano.

Il dolore causato dall’eco cosmico, non gli impediva di non restare senza respiro di fronte alla bellezza della baia di Rio de Janeiro. Ginevra, che era vissuta nella bellezza, dopotutto, avrebbe continuato a far parte dell’incanto di quella baia. Ora sì… Avrebbe riavuto gli occhi per goderla nuovamente e per sempre.

A Giovanni venne in mente un pensiero di un grande scrittore:

“Basta mettere piede in Brasile per sentire l’anima schiudersi e divenire leggera”.
(Stefan Zweig)

Proprio così, ora l’anima di Ginevra era leggerissima…
Tommaso Cozzitorto

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

Previous articleRicordi
Next articleRocìo Muñoz Morales racconta Rita Pisano in Donne di Calabria
Tommaso Cozzitorto
Sono nato a Salerno, ho trascorso la mia infanzia a Sapri e vivo a Lamezia Terme dall'età di dieci anni. Laureato in Lettere moderne ad indirizzo filologico-letterario presso l'Università di Salerno con una tesi dal titolo "Cesare Beccaria e il dibattito sulla pena di morte" discussa con il prof. Valentino Gerratana. Abilitato all'insegnamento in materie letterarie, filosofia e storia, storia dell'arte, insegno Italiano, Storia e Geografia nella scuola secondaria di primo grado. Mi occupo anche di critica letteraria e di arte attraverso conferenze e presentazioni di libri. Ho scritto prefazioni a romanzi e saggi, collaboro al mensile "Lamezia e non solo" da diversi anni. Sono stato protagonista nella trasmissione televisiva Confidenze Culturali ed ho presentato la rubrica "Imagine" su Ermes TV. Per dieci anni ho curato la rassegna "DiMartedìCulturando" in un noto locale di Lamezia Terme. Ho fatto parte della Commissione Calabria "Premio la Giara" indetto dalla RAI. Ho pubblicato due libri: Palcoscenico e Along the way. Nel 2011 ho ricevuto il "Premio Anthurium" città di Lamezia Terme e successivamente il "Norman Academy" a Roma, entrambi per meriti culturali. Ho ricevuto nel dicembre scorso un riconoscimento dal Liceo Scientifico Galilei di Lamezia Terme nell'ambito del Festival della Scienza. In ambito prettamente scolastico sono stato Valutatore ed esperto in PON e POR.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here