La tazzina da caffè

257040

C’era una volta una piccola tazzina di caffè di porcellana, liscia e lucente, esposta dietro la vetrina di una vecchia caffetteria nel cuore della città. Era una tazzina bianca e blu, con decorazioni floreali delicate e uno smalto lucente.

Ma nonostante la sua bellezza, la tazzina era molto triste.
Guardava fuori dalla vetrina e vedeva le persone felici che passavano, ridendo e chiacchierando.

Ogni volta che qualcuno si fermava davanti alla vetrina, sperava che venisse scelta, che finalmente sarebbe stata portata fuori da qualcuno che l’avrebbe riempita di caldo caffè o tè profumato.

Ma il tempo passava e nessuno sembrava notare la tazzina triste. Era stata lì per anni, sempre sola nella sua disperazione. Guardava le altre tazzine intorno a lei, allegre e colorate, e si sentiva ancora più sola, mentre vedeva i tavolini dei clienti affollati.

Un giorno, però, una ragazza entrò nella pasticceria e si fermò davanti alla vetrina.

I suoi occhi si posarono subito sulla tazzina triste e un sorriso si affacciò sul suo viso. “Questa è perfetta per me,” disse, e chiese alla barista di usare la tazzina bianca e blu per poter gustare un dolce caffè espresso.

La tazzina non poteva credere alla sua fortuna. Finalmente era stata notata, finalmente avrebbe avuto un nuovo scopo.

La barista, con gentilezza, prese la tazzina di porcellana e la riempì con il caffè fumante. La giovane donna prese delicatamente la tazzina tra le mani e ne respirò il profumo intenso prima di sorseggiare il caffè.

Era delizioso, intenso e avvolgente, perfetto per quella fresca mattina d’autunno.
La tazzina si sentì finalmente apprezzata e realizzata nel suo scopo.

Essere scelta da quella giovane donna per contenere il suo caffè rappresentava uno dei momenti più importanti della sua vita. Dopo che la donna ebbe finito il suo caffè, lasciò una piccola mancia sul tavolo e si alzò per uscire.

La tazzina rimase nella vetrina, ma adesso era diversa. Aveva il ricordo indelebile del calore del caffè e del sorriso della giovane donna.

Da quel momento in poi, la tazzina non avrebbe più desiderato altro se non che altri ospiti delicati e unici come lei potessero gustare la loro bevanda preferita al suo interno .

E così, anche se rimaneva immobile dietro la vetrina, la tazzina di caffè sapeva di avere un posto speciale nel cuore di coloro che la sceglievano, portando un sorriso e un po’ di calore nelle loro giornate.

Angela Amendola 

Previous articleIl dolore
Next articleTruffe agli anziani
Mi chiamo Angela Amendola e vivo in Calabria dove sono nata. Appassionata di letteratura, poesia, musica ed in genere di tutte le espressioni artistiche , mi sono dedicata allo studio della poesia contemporanea e poco conosciuta. Attratta anche dalle sonorità della poesia dialettale, ho organizzato presentazioni di libri ed autori. Faccio parte di associazioni letterarie e musicali e nel 2017 ho fondato, assieme ad altri Soci Fondatori, l’Associazione “Accademia Edizioni ed Eventi” per la quale scrivo su ScrepMagazine.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here