I delfini hanno da sempre esercitato sugli uomini un grande fascino grazie al loro aspetto, all’intelligenza ed alla socievolezza che li contraddistingue .

Alcuni ricercatori russi hanno scoperto che i delfini parlano tra loro utilizzando un linguaggio simile al nostro. Gli scienziati sono riusciti a dimostrare in parte, ciò che si sospettava da tempo, i delfini conversano e comunicano come gli esseri umani. Protagonisti dello studio sono stati due esemplari di tursiope o delfino dal naso a bottiglia, sono Yasha, e Yana, la femmina, che convivono da ormai 20 anni. Lo strumento utilizzato per captare le conversazioni di questi due delfini è un idrofono, un microfono progettato per essere utilizzato in acqua e per registrare i suoni sottomarini.

Hanno scoperto che i delfini parlano tra loro utilizzando delle vere e proprie frasi di circa cinque parole.I delfini parlano tra loro utilizzando vocaboli che si differenziano per durata, volume e frequenza proprio come noi.

Ma l’aspetto più affascinante della scoperta è non solo l’utilizzo di parole, ma la dinamica dell’interazione stessa. I delfini sembrano infatti interessati ai discorsi l’uno dell’altro e hanno uno scambio che ricorda quello umano, infatti attendono che l’interlocutore abbia smesso di “parlare” prima di rispondere. I delfini aspettano il proprio turno per intervenire e non si interrompono, questo fa supporre che ascoltino prima di intervenire. 
Anche loro conversano, in modi diversi da quello degli esseri umani. Ma tutti seguono una regola ovvia attendono il messaggio dell’altro prima di ripetere il proprio. Da noi è educazione, per loro è normale…Dovremo seguire il loro esempio tutti…

Angela Amendola 

Articolo precedenteIl Pi Day
Articolo successivoUno strano incontro – Parte 3a
Angela Amendola
Mi chiamo Angela Amendola e vivo in Calabria dove sono nata. Appassionata di letteratura, poesia, musica ed in genere di tutte le espressioni artistiche , mi sono dedicata allo studio della poesia contemporanea e poco conosciuta. Attratta anche dalle sonorità della poesia dialettale, ho organizzato presentazioni di libri ed autori. Faccio parte di associazioni letterarie e musicali e nel 2017 ho fondato, assieme ad altri Soci Fondatori, l’Associazione “Accademia Edizioni ed Eventi” per la quale scrivo su SCREPmagazine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui