È mia abitudine incontrare tutti i giorni mamma e papà che oramai sono chiusi in casa da domenica.

Sto evitando di fare loro visita pur abitando a trecento metri dalla loro abitazione.

Stanno attraversando questo brutto momento con molta ansia a causa della loro età avanzata.

Papà cerca di sdrammatizzare, ma so che ha paura più di mia mamma che, apparentemente, sembra combattiva e coraggiosa.

Anche nelle sue parole ho incontrato tanta sofferenza.

Mio padre è un assiduo lettore della Gazzetta del Sud e in questi giorni sta vivendo male anche perchè sono cambiate le sue abitudini: dovendo rimanere a casa, ha dovuto rinunciare alla lettura del quotidiano, consuetudine che si porta dietro da quando era giovane.

Io gli ho consigliato di rileggere il mio libro 🙂 perchè così mi sentirà ancora più vicina.

Mia madre si sta dedicando alla cura della casa, del suo orticello e alla cucina.

Ha preparato per me il ragù, legumi, verdure, accuratamente sistemati nel freezer in attesa che io possa “prenderne possesso“.

Naturalmente non poteva mancare l’impasto per le polpette con aglio e prezzemolo.

Mia mamma è una donna straordinaria, come lo sono, d’altronde, tutte le mamme.

Sono giorni difficili, che ricorderemo sempre.

Ma supereremo anche questo ostacolo.

Sono momenti in cui bisogna affidarsi alla propria coscienza per rispondere in maniera responsabile.

Sono momenti in cui abbiamo bisogno di rispolverare ricordi e nutrire tutte le nostre speranze.

Ritorneranno gli abbracci, i baci, le strette di mano e poi l’aperitivo e il caffè al bar con gli amici… e poi ancora la passeggiata in riva al mare…

Perchè presto potrò anche rivedere il mare.

Piera Messinese

Articolo precedenteTe ed Io come sorelle gemelle – (Parte 12a)
Articolo successivoSeparati dal Coronavirus
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui