Una relazione complicata

È da poco iniziato l’Autunno, ma il mio pensiero è rivolto all’inverno che è oramai alle porte.

Io e la stagione invernale non abbiamo nulla da spartire, non troveremo mai un punto di incontro: non ci amiamo! Viviamo la nostra vita secondo due diverse e opposte prospettive.
Come potrei relazionarmi con un mattino piovoso ed un cielo plumbeo?
Quali termini di dialogo potrebbero accendersi tra di noi?
Io ho sempre paragonato l’inverno ad una persona introversa che non riesce a mostrare nulla della sua ipotetica, celata bellezza per cui concede il peggio di sè, palesandosi in tutta la sua chiusura interiore.
Magari potrebbe avere tante qualità, ma non emergono, non decollano, rimangono oscurate.
Ma non è certo colpa mia se non riesco ad innamorarmi di un nuvolone nero o di quell’antipatica pioggia fitta che disturba il mio risveglio mattutino.
Non ho mai capito cosa possa esserci di bello, di interessante, di amabile nella stagione invernale!
Vuoi mettere una bella giornata di sole, con un cielo turchino e magie di echi salmastri? L’arrivo dell’inverno per me coincide con un periodo difficile da attraversare per cui devo attivare una serie di strategie per tentare di sopravvivere senza grandi affanni all’ avanzare di un lungo grigiore…

Articolo precedenteIl dono innato dell’empatia
Articolo successivoIl coraggio di Gaia (Parte 2a)
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui