Quante cose si possono dire con una carezza, con un semplice e leggero tocco! Quante parole, quante emozioni celate trovano una via di fuga! Quanto sa essere invasivo, dall’intimo linguaggio, forse riservato, quel piccolo grande gesto carezzevole donato!
” La carezza trascende il sensibile”.
Consiste nel non impadronirsi di niente, nel sollecitare ciò che sfugge e ciò che si sottrae, come se non fosse ancora.
In un certo senso esprime l’amore
ma soffre per una incapacità di dirlo. (Levinas).”
” La carezza è amore filtrato attraverso la pelle”.
Con un carezza non si esprimono grandi pretese, non ci sono richieste…è un gesto gratuito che accoglie e chiede accoglienza, silenziosamente desidera far sapere che c’è.
Una mano carezzevole è un contatto solidale al disagio, alla gioia, è un momento di disarmante sensualità nei momenti dell’ amore.
La carezza è figlia della tenerezza, “quel vellutato ” del cuore che solo cosí può rendersi permeabile, al punto da creare un’ intimità spirituale, una corrispondenza sensoriale tra anima e corpo.
Pensate al piacere di ricevere una inattesa carezza che si adagia dolcemente sulle nostre guance, con le due mani chiuse a cuore…
È davvero un tripudio per la pelle!
La carezza ha un’anima pulsante…
Ci sono carezze nelle quali abbiamo lasciato una parte del nostro cuore…

Piera Messinese.

Articolo precedenteAddio: una promessa tradita
Articolo successivoProfli: Julia Roberts
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui