Sei stanca adesso o possiamo parlare
guardandoci le mani
che gli occhi devono spaziare intorno
e catturare quel che resta del giorno.
Hai camminato piano stamattina
dalla tua casa al mondo che un po’ si è ritirato
per farti passare come se l’incanto
mai ti avesse abbandonato
e tutto quello che era poi, si è rivelato.
E poi hai fatto quello che dovevi fare
anche oggi hai difeso il nido 

da tutto lo squallore e un po’hai anche riso
che non fa mai male,
e poi avrai letto qualche pagina
e scritto qualcosa sulla pelle
come fosse un foglio,
hai messo a lavare le verdure per la cena
che poi la sera arriva sempre presto

tra i rumori della strada e un pensiero molesto.
Domani tutto sarà uguale
eppure così diverso.

 
 
 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui