“Prima di Ogni cosa” di Fedez è la canzone dedicata al figlio Leone, primogenito di Federico Leonardo Lucia – in arte Fedez – e Chiara Ferragni.

Molti sono i cantanti non solo italiani, che hanno vissuto in modo intenso e “musicale” la nascita di un figlio.

Fra questi nel 1982 Claudio Baglioni (AVRAI dedicata al figlio Giovanni) e Jovanotti nel 1999 (PER TE dedicata alla figlia Teresa Lucia).

Nel brano Fedez racconta al figlio i propri difetti e fragilità e come la sua nascita gli abbia fatto cambiare prospettiva sulla vita.

Il suo mondo ora è più sensato, ha uno scopo ed è pieno di un nuovo amore: Leone che ora viene prima di qualsiasi altra cosa.

Il brano anticipa il nuovo progetto discografico a cui il cantante sta lavorando e arriva dopo l’annuncio del tour che toccherà le principali città italiane a partire da marzo 2019.

Il video ufficiale di “Prima di ogni cosa” è stato girato, per la seconda volta, a Los Angeles.

PRIMA DI OGNI COSA

FEDEZ

Testo

Cerca un po’ di te

nei testi di De Andrè

ci saranno lividi di cui andare fiero

altri meno

Ma la verità, uguali a metà, sono solo un bambino

che chiamerai papà

Perché in testa c’ho la nausea

Perché non sono mai a casa

Il cuore consumato come delle vecchie Vans

E tutti gli schiaffi presi in piazza

E l’inchiostro sulle braccia

Tutto ora combacia

Tua madre che mi bacia

Il primo bacio, il primo giorno a scuola,

il primo giorno in prova,

il primo amore, il primo errore, il primo sole che ti scotta

Ed è la prima volta anche per me

che vedo te

Prima di ogni cosa

Prima di ogni cosa

E ho preso appunti per tutte le volte che ho sbagliato

Ho un manuale di istruzioni dove di istruzioni è scritto attaccato

E tu sei il primo posto in questa vita che mi sembra nuova

Prima di ogni cosa

Prima di ogni cosa

Un cinico spietato che non si è mai adattato

che non si è mai goduto ciò che la vita gli ha dato

Poi sei arrivato tu

Tutto si è fermato

Vorrei insegnarti tutto quello che non ho imparato

Perché in testa c’ho la nausea

Perché non sono mai a casa

Il cuore consumato come delle vecchie Vans

E tutti gli schiaffi presi in piazza

E l’inchiostro sulle braccia

Tutto ora combacia

Tua madre che mi bacia

Il primo bacio, il primo giorno a scuola,

il primo giorno in prova,

il primo amore, il primo errore, il primo sole che ti scotta

Ed è anche la prima volta per me

che vedo te

Prima di ogni cosa

Prima di ogni cosa

E ho preso appunti per tutte le volte che ho sbagliato

Ho un manuale di istruzioni dove di istruzioni è scritto attaccato

E tu sei il primo posto in questa vita che mi sembra nuova

Prima di ogni cosa

Prima di ogni cosa

Prima di ogni cosa

Prima di ogni cosa

https://www.youtube.com/watch?v=o4ltA8aQdpE

Articolo precedenteI Temporali sporchi
Articolo successivoLibri Italian Style …
Rocco De Nicola
Sono avvocato, ho ventisettenne anni e vivo a Milano dove mi occupo quotidianamente di banche e finanza. Appena posso cerco di “evadere dalla metropoli” per dedicarmi alle mie passioni: la storia, l’arte e le tradizioni locali incluse, ovviamente, quelle enogastronomiche. Amo viaggiare, cucinare e la musica. Mi definisco, in due parole, una persona curiosa e sperimentatrice. Su SCREPmagazine cercherò di condividere “le mie avventure in giro per l’Italia e non solo”, alla ricerca di nuovi scenari, suoni, colori e sapori.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui