Non dire così.
Non sai quello che mi provochi dentro.
Prendimi per mano e avvertirai
come tremo dalla felicità.
Abbracciami e sentirai
il desiderio di te
crescere violentemente.
È strano capire che qualcuno può
con un semplice sguardo
farti sentire in bilico sul burrone
e sempre con lo stesso sguardo
farti nuotare nel mare della passione.
Sorprendentemente.
Tu sei il mare in tempesta
il vento oltraggioso
l’indomabile tornado.
Ma sei anche
il silenzio dei boschi
la notte stellata
un lago dormiente .
E sai sempre come prendermi .
Come farmi ogni giorno più tuo.
E mi spaventa allontanarmi da te
perché non potrei più essere io
se improvvisamente tu sparissi
come la neve
dopo un giorno di sole

Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

Articolo precedenteL’ora più buia
Articolo successivoU sapuni i casa
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui