Paolo Bonolis da anni conduce “Avanti un altro“.

Non vi sarà sfuggito che mentre conduce lui fa cose molto strane tipo mangiare con voracità mentre interagisce con il concorrente.
Questa immagine mal si accosta con quella del presentatore.

Allora ci si chiede perché la propone?
Quale messaggio vuole trasmettere? È trash?

Il termine trash, letteralmente tradotto “spazzatura”, è tutto ciò che è di cattivo gusto.

Nei programmi TV si cade in scelte discutibili come l’eccesso, la maleducazione che porta con sé urla, discussioni, ridicolizzazione.
Le reazioni emotive dei protagonisti sono il pianto, riso e rabbia.

Chi cura questo genere di programma, ha lo scopo di incollare gli spettatori alla TV e per far questo è obbligato ad alzare sempre più l’asticella del cattivo gusto.

Già, perché alla gente piace il macabro, l’orrido e vuole essere sempre informata.

E viene dimostrato dal fatto che sono molto seguite le trasmissioni di cronaca nera. E anche queste spesso sfiorano il trash. I programmi trash hanno un grande successo di pubblico perché sono leggeri, non richiedono un’attenzione costante e se si salta qualche puntata non è un dramma. Si riesce facilmente a riprendere il filo della vicenda perché le problematiche vengono riproposte, inoltre sia i giornali che i social ci danno tutti gli aggiornamenti.

Se poi i programmi fanno ridere, ancora meglio; questo è fondamentale .

A chiunque, infatti, pare piaccia ridere delle piccole disgrazie altrui, specialmente se ci si trova di fronte a persone un po’ ingenue.

Gli argomenti affrontati sono alla portata di tutti, non essendo di particolare importanza culturale.
E danno l’illusione che si possa divenire famosi con poco e che si possa guadagnare con il minimo sforzo.

I dati ci dimostrano che queste trasmissioni non sono seguite solo da persone di livello culturale più basso ma anche da quelle più colte.
Molti vogliono misurare così il livello di degrado raggiunto dalla società in cui si vive.

Infatti, i protagonisti di questi programmi offrono spunti di analisi psicologica, sociologica e antropologica.

La sera in molte case all’ora di cena, la TV è sintonizzata su Canale 5, sul programma fortemente trash “Avanti un altro“.

Il programma vanta alcuni ospiti non proprio convenzionali.

Tra i tanti ospiti, troviamo anche la YouTuber Follettina.

Sapete chi è la Regina di YouTube?


No, mi spiace signori, non è Paris Hilton, Belen, o Elettra Lamborghini, è Follettina …

Ma sappiamo tutti che non sei nessuno se non siedi almeno una volta nel salotto televisivo di Barbara D’Urso.

E anche lei mesi fa è stata invitata nel suo salotto di Pomeriggio 5, scatenando maggiormente la curiosità del pubblico.

Ma chi è esattamente la youtuber Follettina?

Follettina Creation è il suo celebre nickname, dietro cui si cela la vera identità di Maria Grazia Catalano, nata il 2 aprile 1980, segno zodiacale Ariete, città d’origine Palermo.

Follettina vive a Tolmezzo, in provincia di Udine, epicentro della sua ascesa come youtuber.

Il suo, infatti, è uno dei volti noti dei social, e su Instagram (come sul suo canale YouTube) vanta un seguito da capogiro… altroché.

Quando si parla di “Instagram Face e Youtuber” ci si riferisce ad un ideale di bellezza molto preciso: labbra carnose, sopracciglia folte ma ordinate, zigomi prominenti, occhi allungati, naso piccolo. Solitamente a questo viso fa seguito un bel corpo col seno grande, vita stretta, fianchi e sedere pieni e alti, gambe lunghe e affusolate, possibilmente abbronzate. È un ideale estetico molto artefatto. Il trucco è impeccabile ma anche molto pesante.

Allora come mai Follettina è così seguita…
Lei non rientra in quei canoni.

Cosa la rende speciale? La sua straordinaria normalità ; niente fisico da copertina, niente filtri.

Lei è così come la vedete, è naturale, umanamente imperfetta e lontana anni luce dallo stereotipo dell’influencer…

Maria Grazia è sposata, e suo marito sembra collaborare nel dietro le quinte di alcuni video che posta sul web.

L’avventura web di Follettina è iniziata nel 2015, all’età di 35 anni, con l’apertura del canale YouTube in cui condivide video della sua vita quotidiana. La crescita di iscritti è stata incredibile, forse inaspettata, tanto da meritare l’attenzione dei più curiosi esploratori del web.

Il suo approccio privo di sovrastrutture, l’ha resa un fenomeno virale, per alcuni la vera regina del trash. Il suo successo inarrestabile sui social sembra aver dato agli utenti la misura di una popolarità a portata di mano, soprattutto alla portata di tutti.

Tra i contenuti che hanno generato maggior fermento online, alcuni video in cui si diverte a fingersi mamma di bambole reborn.

Si tratta di clip che hanno superato il milione di visualizzazioni. Mah!!!

Per fare video, mi sembra sciocco e stupido truccarmi. Preferisco farmi vedere al naturale, per come sono io“: questa la sua filosofia, questa la sua formula vincente.

Come ribattere alle sue parole? Lei e la sua normale quotidianità sta raggiungendo lo stesso successo di molte influencer sempre imbellettate e photoshoppate…

Follettina Creation ha lanciato un singolo musicale su Spotify e ovviamente su YouTube.

La canzone si intitola “La regina di YouTube” e, neanche a dirlo, è autobiografica. La youtuber sembra non accontentarsi più dei 2 milioni di visualizzazioni e ha così deciso di produrre la sua prima fatica discografica.
Mah … Mah… Mah…

Angela Amendola

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui