“Sconosciuta me” Maria Grazia Del Franco

113438

Riprendendo un mio vecchio cellulare, quante cose ho ritrovato.
Ricordi, foto che avevo dimenticato.
Quanti pensieri, quante mie poesie;
È stato bello rileggerle.
Ho deciso così di condividerle con voi.
Forse le ho già pubblicate tempo fa, non ricordo… ma è bello rivivere mie emozioni di oggi, rileggendo le mie poesie ritrovate nella memoria di uno smartphone

Sconosciuta me

Cammino incerto,
sguardo assente,
sorriso triste.

Mai una parola detta,
mai un pensiero espresso,
mai un gesto sbagliato.

Sconosciuta me,
guidata dagli altri,
per paura di cadere.

Non infrangere le regole,

questo era detto

da chi mi amava,

era per   il mio bene.

Questo era il mio dovere,
di figlia, sorella,
amica e fidanzata.

Sconosciuta me,
vivevo in un mondo artefatto,
giudicata, calpestata e offesa,
derisa, mortificata e colpita.

Impaurita da tutto non parlavo,
il mondo era dietro un vetro,
scorreva senza di me.

Sconosciuto tempo,
passava con gli anni,
io con lui crescevo.

Non mi riconoscevo,
non erano quelli i miei sogni,
non era il mio pensiero,
non era la mia vita.

Ho creduto in me,
nei miei passi incerti,
nei miei pensieri urlati
per farmi ascoltare

E un giorno si…
fui ascoltata, riconosciuta
apprezzata e amata.

Il mio cammino è ora in salita,
ora ascolto il mio cuore,
ho imparato dai i miei sbagli,
ora cammino sicura,
cara sconosciuta me…

Maria Grazia Del Franco

Previous article“Il lago” di Federica Rainaldi
Next articleEro una madre
Sono nata a Napoli. Laureata in lettere moderne, ho coltivato fin da ragazza la passione per la scrittura, sempre con un occhio attento agli episodi che si verificavano nella società. Spinta da un amico d’infanzia, ho iniziato a scrivere, partecipato e vinto vari premi letterari con alcune poesie (“a mia madre” e “l’ultimo desiderio”). Sono socia di “Accademia Edizioni ed Eventi”, gruppo di autori ed artisti che con certosina pazienza, danno spazio alla cultura, organizzando anche eventi e contribuendo alla diffusione dell'arte e del talento. Collaboro alla rivista SCREPmagazine con la rubrica ”LEGGIAMO INSIEME”...e non solo...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here