La 92esima edizione degli Oscar ha visto trionfare, dopo una  lunga cerimonia, Renée Zellweger come Miglior attrice protagonista per Judy di Rupert Goold e Joaquin Phoenix come Miglior attore protagonista per la sua straordinaria performance in Joker di Todd Phillips.

La serata  è però stata dominata da Parasite di Bong Joon-ho, che si è aggiudicato le statuette come Miglior film, Miglior regia, Miglior film straniero e Miglior sceneggiatura originale.

È la prima volta che un film della Corea del Sud viene nominato come miglior film ed è la prima volta che un film non in lingua inglese vince come Miglior film. «Sono pronto per un drink, adesso», ha detto il regista, forse anche lui un po’ stupito del risultato ottenuto. 

Brad Pitt si è aggiudicato la statuetta  come Miglior attore non protagonista per il suo ruolo in C’era una volta… a Hollywood, avendo la meglio su Joe Pesci, mentre, Laura Dern vince  il suo primo Oscar come Miglior attrice non protagonista per Storia di un matrimonio di Noah Baumbach.

1917, il film diretto da Sam Mendes, si porta a casa 3 statuette: Miglior fotografia, Migliori effetti speciali e Miglior montaggio sonoro.

Nell’animazione la spunta invece Toy story 4 e nella sceneggiatura il piccolo gioiello JO jo Rabbit si porta a casa la meritata statuetta.

Rispettate quindi le previsioni della vigilia, la vera sorpresa resta sempre la vittoria di Parasite nelle categorie più importanti, segno che, sulla scia di Roma dello scorso anno, forse qualcosa nell Accademy sta davvero cambiando e che il cinema d’autore si sta facendo davvero spazio nei rigidi schemi di Hollywood.

Joker

Sandra Orlando 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui