E allora molti malati e storpi vennero da Gesù e gli chiesero di risanarli.

Gesù rispose loro che li avrebbe condotti presso gli Angeli di Nostra Madre dove il potere di Satana non può entrare.

Essi chiesero sorpresi:

_“Chi è Nostra Madre e quali sono i suoi Angeli? Dov’ è il suo Regno?”

Egli rispose :

_”Vostra madre è in voi e voi in lei. Il corpo che Lei vi ha edificato un giorno lo restituirete a Lei. Il sangue che scorre in noi è nato dal sangue di Nostra MadreTerra. Esso mormora nei ruscelli di montagna, scorre ampio nei fiumi della pianura, riposa nei laghi.  Da quel suo respiro che è azzurro nelle altezze del cielo, sussurra nelle vette delle montagne. La durezza delle nostre ossa è nata dalle ossa di Nostra Madre Terra, da quelle rocce e quelle pietre che si innalzano spoglie verso i cieli sulle sommità delle montagne”.

Questa commovente serie di parallelismi non la troverete nei Vangeli Sinottici ma nel “Vangelo Esseno della Pace”.

Gesù continua mettendoci in guardia sui pericoli in cui si incorre nell’inosservanza nelle leggi di Madre Terra ma ci dona speranza, correggendo i propri peccati Madre Terra accoglierà il suo Figlio peccatore con nuovo amore.

Quello che in fondo è l’insegamento che ci viene impartito si concretizza nella purificazione sia del nostro spirito che del nostro corpo.

Le tradizioni di tutti i popoli prevedono riti di purificazione che provvedono al mantenimento dell’equilibrio della salute.

L’uomo moderno sente dentro di sè, che sia ateo o credente, selvaggio o industrializzato, la necessità di purificare il proprio corpo e il proprio spirito volgendosi alla riscoperta di pratiche che furono appannaggio di civiltà che hanno fondato la storia dell’umanità.

Nel Vangelo Esseno viene prescritto come rimedio per alcune afflizioni il digiuno “…Satana e le sue afflizioni, possono essere allontanati solo dal digiuno e dalla preghiera… in verità se non digiunerete non vi libererete mai da Satana e da tutti i malanni provocati da lui“.

La “pulizia dell’intestino” viene prescritta da Gesù e praticata con i sistemi dell’epoca, a ben vedere questa pratica non fa che confermare ulteriormente le necessità di purificare il proprio corpo e che, eliminate le resistenze recupererà la propria forza vitale che verrà utilizzata per la vittoria sulla malattia.

In questi ultimi tempi si è assistito ad un recupero di questi concetti, sia per quanto riguarda le partiche igieniche che per quanto riguarda l’alimentazione.

E’ ormai un dato di fatto, e illustri oncologi lo hanno confermato, che l’attenzione a tavola e lo studio della nostra alimentazione nonchè la depurazione dell’organismo possono essere un valido aiuto nella lotta al cancro.

Purtroppo la classe medica attribuisce più importanza alle tecniche curative che non alle regole di strategia preventiva, regole queste che implicano un intervento più diretto nei comportamneti del singolo ma nello stesso tempo una visione più ampia di tutto quanto concerne la conservazione del capitale salute.

Quanto appena detto che in maniera lapidaria espresso dal presidente della American Health Foundation: “Come medici si prova più soddisfazione a guarire un solo paziente affetto da una malattia seria che non a prevenire la stessa malattia in 10000 persone: la vittoria sulla malattia appare come qualcosa di tangibile, mentre tenere lontana una malattia che non c’è, assume i contorni aleatori di un successo più supposto che concretamente documentabile”.

Cosa possiamo fare, nel nostro piccolo, per recuperare la salute senza delegare il nostro medico ?

Le Istituzioni non recepiscono il discorso preventivo, dimenticando che una popolazione malata risulta scarsamente produttiva oltre a gravare sui bilanci dello stato.

Il singolo deve spingere verso le istituzioni, ma nel contempo ha l’obbligo di sperimentare e di studiare tecniche alimentari e di vita che gli possano evitare guai futuri.

Facile – direte voi – ma vi assicuro che se vi cimenterete seguendo semplicissime indicazioni, potrete guadagnare una buona salute.

Linee guida generali:
A Ridurre drasticamente le proteine animali;
B Ridurre i grassi animali;
C Consumare cereali completi;
D Eliminare i cibi conteneti additivi, coloranti, conservanti;
E Consumare in abbondanza verdure crude;
F Eliminare le bibite, fumo, sale, zucchero bianco, insaccati;
G Dedicare un giorno o più al mese al digiuno lontano da fonti di disturbo assumendo solo acqua.

A voi la scelta .

Rodolfo Bagnato

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui