Oggi me’ nonna Checchina
ranni divota a Santa Lucia
i prigheri triplicava.
Idda anche attenta
nto’ manciari stava
sulu chiddu da’ devozioni.
Cosi i ciciri a mollu
a sira prima mittia
e a matina
sempri prigannu
i cucinava.
“Santa Lucia
rispettu merita
idda nta’so’ bonta’
l’occhi prottegi…”
dicia me’ nonna.
A ddu’ tempu ritonnu
a quannu eru figghiola
a tradizioni
a devozioni
non si tradiva.

Antonella Ariosto

Articolo precedenteLe grispelle
Articolo successivoPangiallo romano
Antonella Ariosto
Sono Antonella Ariosto. Sono nata a Messina ma vivo a Roma. Ho conseguito la Maturità tecnico-commerciale e faccio la mamma e la nonna a tempo pieno. Come tanti miei amici di “SCREPmagazine”, scrivo dalla mia gioventù … scrivo d’amore, di sogni e di crude realtà. Ho pubblicato un libro di poesie – “L'anima vola” - amo leggere e adoro l'Arte. Spesso scrivo versi nel mio dialetto siciliano perché ci trovo una forza ed una potenza espressiva assolute.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui