O juorno s ne va e a luna janca s’affaccia a fenestra e chistu munno;

è sera e a ment s’arrposa sott o ciel e sti stell lucente!

Int a stù silenzio m strign fort e braccia o piett p sntì o cor;

guard o ciel  chin e stell e a luna chiena m fa cumpagnia.

Chella faccia janca par che m vuless parlà!

 Parla chian e ric :

“ nu chiagnr po’ passat, nun t arraggià c’a gent, nun t po’ capì;

 sient a me, tutt l’ammor che tien dint o cor n’o sciupà, tu sul sai quann val;

 a gent parl e ammor, ma nun è comme te, nun sent chell che ric o cor!

O sacc sol’ i chell che tien rint o cor, n’o buttà o vient, tienatil p’ te!

C  sarrà coccurun che sent o cor comm o sient tu? 

E chi o sap!

Ma nun t fa mbruglià a sti parol lusinghier, nu pnsà che so ver, i nun c crer!

Se po’ coccurun sent o cor comm o sient tu, nu parlà,

resta  accussì, comm quann parl cu me,

quann duie cor parlan, stall a sntì, chell’è l’ammor che parl!

Articolo precedenteIl Fu Mattia Pascal
Articolo successivoNessun luogo è lontano …
Maria Grazia Del Franco
Sono nata a Napoli. Laureata in lettere moderne, ho coltivato fin da ragazza la passione per la scrittura, sempre con un occhio attento agli episodi che si verificavano nella società. Spinta da un amico d’infanzia, ho iniziato a scrivere, partecipato e vinto vari premi letterari con alcune poesie (“a mia madre” e “l’ultimo desiderio”). Sono socia di “Accademia Edizioni ed Eventi”, gruppo di autori ed artisti che con certosina pazienza, danno spazio alla cultura, organizzando anche eventi e contribuendo alla diffusione dell'arte e del talento. Collaboro alla rivista SCREPmagazine con la rubrica ”LEGGIAMO INSIEME”...e non solo...

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui