Lacrime al vento

Per una parvenza di speranza

Solo ricordo tristi parole

Che si confondono

Con l’odore del mare

Acqua che sferza il mio corpo

Gelide tenaglie

Che cercano di incatenare.

E quando le mie membra

Saranno nell’abisso

Scruterò quel buio

Cercando quella luce

Che ricorda le stelle

Troppo lontana è la meta

Senza speranza il destino

Pezzo di carta stropicciato

Che vola sulle mie spalle

E pesa più che a un carcerato

Vita, maledetta prigione

Rifuggo sogni e speranze

Ma tengo per me l’ultima emozione

Solo così diranno che ho vissuto

Perché troppe volte un uomo

Perché non ha amato

Si dimentica che è esistito…

In ricordo dei naufraghi, di tutti coloro che sono morti cercando di raggiungere le nostre coste per cercare una vita migliore, lontano da guerre, fame e carestie. Che le acque del mare vi siano lievi.

Buon Natale…

Arsenio Siani

Articolo precedente“Pinocchio” di Matteo Garrone
Articolo successivoLe tradizioni napoletane della vigilia di Natale
Arsenio Siani
Mi chiamo Arsenio Siani, sono un counselor, scrittore e docente di corsi di scrittura creativa. La passione per le pratiche di trasformazione ed evoluzione interiore mi ha condotto a frequentare una scuola di counseling. Parallelamente il mio percorso ha visto un’evoluzione e una crescita interiore grazie alla scrittura, dapprima erano pensieri sparpagliati e confusi riversati su fogli di carta, poi la mia mente e la mia anima hanno cominciato a concepire storie, racconti di vita partoriti da sogni, desideri, rimpianti e speranze. Un ascolto dei miei sentimenti e delle mie emozioni che mi ha portato a scrivere cinque romanzi in meno di tre anni e innumerevoli racconti. Nel 2016 ho accettato anche la sfida di diventare docente per corsi di scrittura creativa presso l’Università popolare di Siena, dove vivo da 12 anni. Nel 2017 ho iniziato la mia collaborazione con “Accademia” curando due rubriche per la rivista “Screpmagazine”, una dedicata al benessere psicologico e l’altra alla violenza sulle donne. Proprio da quest’ultima esperienza nasce una mia nuova pubblicazione, “Quello che le donne non dicono”, in cui vengono raccolti gli articoli, rielaborati per l’occasione, comparsi sulla rubrica, per Titani editori, pubblicato nel marzo 2018.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui