Da ieri attacchi su tutti i social per Teresa Bellanova.

Il nuovo Ministro dell’Agricoltura, è stata bersaglio di critiche sia per il look scelto per il giuramento al Quirinale, sia perché ha solo la terza media.

Alla Bellanova oltre all’abito è stato anche contestato l’aspetto fisico.

Come se il corpo di “una Ministra” avesse rilevanza politica e dovesse rispondere a canoni.

Ma siamo alle solite, insulti se si è troppo belle come successe alla Boschi, e insulti quando non si ha l’immagine di una perfezione fisica.

Ma una voce su tutte si è alzata in sua difesa quella di Enzo Miccio che sul suo twitter ha scritto:
_Un abito in organza e chiffon con piccole balze, in un bel blu, perfetto per la sua silhouette. Abbinato magistralmente a delle slingback nere. Accessori in tinta con il piccolo torchon che incornicia lo scollo dell’abito. Per me è Approved.

Daniele Capezzone, ex parlamentare di Forza Italia che è senza Laurea e con la Maturità Classica – si dice – “comprata” in un costoso collegio al centro di Roma, ha tirato in ballo su Twitter il Carnevale.

Invece il Sindaco di Locorotondo, in riferimento all’abbigliamento della Ministra, ha postato su Facebook solo “immagina di incontrarla di notte”.

Come sempre gli odiatori, gli haters, sobillano contro chi “riesce”. Infatti ad una donna che arriva dove la maggioranza degli uomini fallisce, viene il biasimo di chi la vorrebbe dietro un fornello a preparare da mangiare

Ma la stessa cosa accadde per delle donne molto belle salite alla cronaca politica negli ultimi anni.

Una di queste è Mara Carfagna. Non è più giovanissima ma è sicuramente tra le donne in politica più belle.

Parlamentare del Popolo della Libertà e di Forza Italia, è stata Ministro per le pari opportunità del Governo Berlusconi.

Mara Carfagna si è avvicinata alla politica nel 2004, ma in precedenza era stata eletta Miss Cinema nel 1997, essendo poi ricordata solo per aver presentato diversi programmi in TV.

Come se la sua bellezza pagasse uno scotto.

Stessa cosa per la Boschi. Meno di 40 anni, occhi blu mare che hanno stregato parecchi uomini. Di origini toscane è stata Ministro senza portafoglio per le Riforme Costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento nel Governo Renzi, ma anche Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel Governo Gentiloni dal 12 dicembre 2016.

Anche lei subissata di critiche  perchè bella, quindi per forza “oca”.

La verità è che molti giudicano basandosi su pregiudizi che li rendono riduttivi e imparziali.

Bellanova infatti è una politica di grande esperienza, fa parte del Parlamento da oltre dieci anni, è stata Sottosegretaria e Viceministra gestendo crisi industriali molto complesse e ha ricoperto importanti incarichi di partito. Ma soprattutto è stata per decenni una forte sindacalista del settore agricolo e tessile, e ha lottato a lungo contro il caporalato

La Bellanova ha infatti un passato di bracciante agricola, di sindacalista.

Ha quindi vissuto sulla propria pelle molte lotte e per questo potrà ben districarsi conoscendo “dal basso” la realtà di ciò che ruota attorno al suo Ministero anche se questa grande esperienza non può di certo compensare – in generale – un livello di istruzione evidentemente troppo basso per certi ruoli istituzionali….

Diamo comunque tempo e modo perché possa attuare il suo mandato e poi tireremo le somme per ciò che farà, e comunque non di certo basandoci solo sulla sua taglia o sul look…

Angela Amendola 

Articolo precedenteOnora Madre Terra
Articolo successivoSpesso hanno un inizio…
Angela Amendola
Mi chiamo Angela Amendola e vivo in Calabria dove sono nata. Appassionata di letteratura, poesia, musica ed in genere di tutte le espressioni artistiche , mi sono dedicata allo studio della poesia contemporanea e poco conosciuta. Attratta anche dalle sonorità della poesia dialettale, ho organizzato presentazioni di libri ed autori. Faccio parte di associazioni letterarie e musicali e nel 2017 ho fondato, assieme ad altri Soci Fondatori, l’Associazione “Accademia Edizioni ed Eventi” per la quale scrivo su SCREPmagazine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui