“La necessità del dolore” di Pino Vitaliano

140560
Il dolore è sempre una sorpresa inaspettata, una rivelazione.
Ti accorgi di possedere un corpo, quando ti ammali o perdi una parte di esso.
Abbiamo consapevolezza che le cose debbano finire, ma fin quando ci sono le diamo per scontate.
Poi muore un padre, un figlio, un amico, e tutto diventa buio e ti senti squarciare dalle lame affilate della disperazione e dalle spine silenziose della colpa.
Pian piano, però, quel dolore diventa consapevolezza del tuo essere.
La vita è matematica, diseguaglianza e armonia perfetta: oggi ti sottrae e domani ti assomma.
Magari ti moltiplica, dopo averti diviso.
Ma i conti, alla fine, devono necessariamente tornare.
Perché è tutto scritto.
Perché siamo stelle di un’armonia prestabilita, e niente deve mancare, niente potrebbe essere se non come l’Eterno ha deciso che fosse.
Il dolore, se sai attraversarlo, può essere arricchimento, crescita.
Tutto si ricompone, nel creato, tutto torna: a ogni grande dolore, succede sempre una grande gioia.
Il dolore, però, non scompare, ma può diventare sogno, addirittura poesia.
Se avrai questa forza e questa consapevolezza, potrai guardare il cielo stellato e goderne l’incanto senza soffrire.
E se una stella manca, da quel firmamento, non ti accorgerai della sua mancanza, perché l’avrai trasformata in nostalgia, dolce come il miele degli dei, sorridente come la più tenera delle aurore…

Pino Vitaliano

Clicca sul link qui sotto per leggere il mio articolo precedente:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here