NON AMO LA DIFFIDENZA

Non sono diffidente per indole, perchè non mi piace avere l’animo sospettoso, attraversato da mille dubbi.

Non mi piace esserlo dal momento che ho voglia di andare incontro alla vita con una sorta di ingenuità sentimentale, senza mai nascondermi e senza alcuna volontà pregiudiziale.

Ho sempre guardato la realtà con spirito di accoglienza, accettandola nella sua interezza, avendo premura non di denudarla, bensì di trovare con essa punti di contatto per realizzare soluzioni di continuità e non stabilire distanze.

La diffidenza, la mancanza di fiducia è il modo forse più semplice per limitare la nostra conoscenza, per non dare spazio alla nostra libera espressione di pensieri, parole, gesti.

Ciò non significa che la mia disponibilità ad accogliere non sia stata messa a dura prova.

Anzi, è stata più volte tradita in modo più o meno grave, con il rischio che si verificasse una mia chiusura forzata.

Ma non è accaduto niente di tutto ciò, dal momento che non ci si può arrendere dinnanzi alle insidie del vivere.

Per cui bisogna solo armarsi di coraggio e obbedire al proprio sentire.

Le delusioni sono sempre in agguato, ma è impensabile che per evitare di soffrire ci si corazzi, o si chiudano tutte le imposte, precludendosi ogni possibilità di guardare oltre.

Piera Messinese

Articolo precedenteA volte ritornano
Articolo successivoIl ragazzo invisibile seconda generazione
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui