La triste storia della Baronessa di Carini

La leggenda narra la morte di Donna Laura Lanza che a soli 14 anni andò sposa, per volere del padre, al Barone di Carini.

Ben presto, delusa dalla vita matrimoniale e dai continui abbandoni del marito impegnato nella cura delle sue proprietà, la baronessa si innamorò di Ludovico Vernagallo, e ne diventò l’amante.

Scoperto il tradimento, per mezzo di un frate che informò della tresca il padre ed il marito, i due freddamente meditarono l’assassinio.

Cesare Lanza, il padre di Laura, una notte in cui sapeva che i due amanti erano insieme fece circondare il castello, vi irruppe all’improvviso, e sorpresili a letto, li uccise. 

La stanza dell’assassinio, situata nell’ala Ovest del castello, è crollata completamente e si narra che su una parete vi fosse l’impronta insanguinata della baronessa. 

Si dice il fantasma dell’infelice baronessa, si aggiri ancora  nel castello.

Questi versi di un cantastorie dell’epoca (purtroppo non ne conosco il nome), ci fanno rivivere l’efferatezza del delitto: 

«Chianci Palermu, chianci Siracusa

a Carini c’è lu luttu in ogni casa.

Attorno a lu Casteddu di Carini,

ci passa e spassa nu beddu cavaleri.

Lu Vernagallu di sangu gintili

ca di la giuvintù l’onuri teni.

“Amuri chi mi teni a tu’ cumanni,

unni mi porti, duci amuri, unni?

Vidu viniri ‘na cavallaria.

Chistu è me patri chi veni pi mmia,

tuttu vistutu alla cavallarizza.

Chistu è me patri chi mi veni a ‘mmazza.

Signuri patri, chi vinisti a fari?”

“Signora figghia, vi vegnu a ‘mmazzari”

Signuri patri, aspettatimi un pocu 

quantu mi chiamu lu me cunfissuri. 

– Habi tant’anni ch’un t’ha confissatu, 

ed ora vai circannu cunfissuri? 

E, comu dici st’amari palori, 

tira la spata e cassaci lu cori; 

tira cumpagnu miu, nun la sgarràri, 

l’appressu corpu chi cci hai di tirari! 

Lu primu corpu la donna cadiu,

l’appressu corpu la donna muriu.

Nu corpu a lu cori, nu corpu ‘ntra li rini,

povira Barunissa di Carini…

1 commento

  1. Triste storia però bello poter leggere i versi di una cantastorie di quei tempi 🙂
    Articolo interessante.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui