Qualsiasi legame, sia esso amoroso o amicale oppure blandamente affettivo, sia esso inserito in un contesto virtuale o meno, merita la giusta considerazione nella consapevolezza dei limiti e dei pregi delle diverse facce: virtuale, reale … “diversamente reale”…
Sono infatti sempre i sentimenti che si incontrano, stabiliscono connessioni, affinità, corrispondenze e che credono sempre, grazie alla loro sana ingenuità, nella serietá di un incontro, soprattutto se alla base è palese la stima e il rispetto.
Non è bello ” ghettizzare ” il sentimento…non esistono sentimenti reali o virtuali.
Il cuore viene chiamato a vivere una sorta di felice bilocazione ed in entrambi i luoghi, porta se stesso e i valori che lo sostengono.
È la qualità del sentire ed in misura minore la quantità, a costruire il nostro profilo umano interiore e relazionale.
Penso anche però che se due persone si trovano lungo la stessa strada, incrociano le proprie vite, non avviene mai per caso…
E allora sarebbe bello riuscire a dare alle condivisioni una memoria, il ricordo di un saluto, una stretta di mano, una frase, un sorriso, una intima emozione, un segreto …
Mi piacciono le persone che danno valore ai sentimenti e mi rammarico quando il cuore viene ridicolizzato…perché è un meraviglioso mondo che chiede solo di amare e di essere riamato.

Piera Messinese

Articolo precedenteUna via di fuga
Articolo successivoI misteri della mente
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui