Il tempo non esiste, è solo una dimensione dell’anima. Il passato non esiste in quanto non è più, il futuro non esiste in quanto deve ancora essere, e il presente è solo un istante inesistente di separazione tra passato e futuro.    (Sant’Agostino)

Il tempo si muove in una direzione, i ricordi inun’altra.(William Gibson)

Il passato non mi preoccupa: i danni che doveva fare li ha fatti; mi preoccupa il futuro, che li deve ancora fare.(Pino Caruso)

Se sei ancora attaccato ad un vecchio sogno di ieri, e continui a mettere dei fiori sulla sua tomba ad ogni momento, non puoi piantare i semi per un nuovo sogno che possa crescere oggi.(Joyce Chapman)

L’unico fascino del passato è che è passato. (Oscar Wilde)

Il tempo è come un fiume: non risale mai alla sorgente. (Conte di Rivarol)

Se il tempo fosse soltanto oro…, potresti anchepermetterti di perderlo. Ma il tempo è vita, e tu non sai quanta te ne resta.    (San Josemaria Escrivà de Balaguer)

Oggi mi piace parlare di qualcosa che non tutti vediamo allo stesso modo cioè del passato. Ho volutamente scelto alcune frasi che racchiudono ciò che penso tra cui quella di Sant’Agostino il quale dice:” Il passato non esiste in quanto non è piú ”. E’ esattamente la sintesi del mio modo di vedere la vita, di affrontarla. Io guardo avanti. Il passato sono i ricordi, il nostro modo di essere, ciò che siamo diventati nel tempo. E’ qualcosa di immutabile, di fermo, di andato. Ed invece di stare lì a pensare a ciò che poteva essere, ma non è stato, cerco di agire su ciò che potrà essere, perché deve ancora arrivare. O meglio cerco di vivere il presente che è l’unica dimensione temporale su cui noi possiamo agire, l’unico spazio suscettibile di una nostra scelta, l’unica reale possibilità di vita. Chiaramente con uno sguardo a ciò che potrebbe essere il domani, sebbene sappia che il domani è solo un’ ipotesi, perché possono accadere sempre tante cose che potrebbero impedire a quell’ipotesi di trasformarsi  in realtà. Oltretutto ritengo che l’unica possibilità di sentire il sapore di un gelato sia di gustarselo, mentre lo si sta mangiando, senza pensare a ciò che mangeremo la sera. Voglio dire che le sensazioni che si provano, si devono vivere nel presente senza proiettarle nel futuro in cui magari potremo riprovarle, sapendo però che non saranno le stesse. Perché ogni momento che passa ci cambia, ed anche il nostro umore, il nostro sentire, non è costante specialmente  se è influenzato dalle esperienze passate, dal dolore o dal piacere  che abbiamo vissuto. So anche che è difficile distaccarsi da ciò che è stata la nostra vita, il nostro trascorso, le nostre esperienze, ma forse è l’unico modo per essere oggettivi e vivere ciò che ci sta accadendo in quel momento. Chiaramente non dico che non si deve avere un progetto di vita, e so che questo progetto nascerà da ciò che abbiamo vissuto. Dico che nel momento in cui stiamo tentando di realizzarlo, non dobbiamo farci confondere da ricordi o da dejavù. La vita è troppo breve per covare rimpianti, per crogiolarsi nella delusione, per consolarsi quando non riusciamo a fare qualcosa, per giustificarsi col passato che abbiamo vissuto. La vita è adesso, come diceva un cantante e merita di essere vissuta appieno.

Maurizio

Voglio guardare

solo ciò che ho davanti,

anche se conservo al riparo dentro me,

ciò che ho vissuto.

Oggi è il mio tempo

e se lo vivo con te,

varrà di più.

Ma questo sole non tornerà così

ed io voglio sentirne il calore

adesso

senza pensare se mi sono già bruciato

o se mi brucerò ancora domani.

Articolo precedenteDepeche Mode
Articolo successivoIl mare guarda
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui