Nuvole scure,

come un immenso mare in tempesta,

lasciano volare i pensieri di un passato nella mia testa.

Pioggia pesante,

eterno pianto del cielo,

bagna la  sabbia  della spiaggia donandomi tanto gelo.

Ieri eri oasi felice di me bambina

e sogni estivi,

ora svaniti nel nulla, restano solo pensieri cattivi.

Vento  incessante, impetuoso mare, mi legano le caviglie,

addio bei ricordi, ho solo

lacrime amare.

Sono con te, mare,

amico di belle serate,

di  bei sogni   e  di giornate spensierate.

In fondo, l’orizzonte, vedo un faro,

è quello il mio ultimo porto sicuro;

mi lascio trascinare dalle onde del mare,

che mi avvolgono i piedi, solo qui voglio stare.

Dall’ acqua siam nati

unica fonte sicura,

e il mare avrà eternamente

di me cura.

Articolo precedente“1984” George Orwell
Articolo successivoLa “Red Special”
Maria Grazia Del Franco
Sono nata a Napoli. Laureata in lettere moderne, ho coltivato fin da ragazza la passione per la scrittura, sempre con un occhio attento agli episodi che si verificavano nella società. Spinta da un amico d’infanzia, ho iniziato a scrivere, partecipato e vinto vari premi letterari con alcune poesie (“a mia madre” e “l’ultimo desiderio”). Sono socia di “Accademia Edizioni ed Eventi”, gruppo di autori ed artisti che con certosina pazienza, danno spazio alla cultura, organizzando anche eventi e contribuendo alla diffusione dell'arte e del talento. Collaboro alla rivista SCREPmagazine con la rubrica ”LEGGIAMO INSIEME”...e non solo...

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui