Non immagini quanto ti desidero
I tuoi occhi
Le tue labbra
Non mi fanno più respirare
Voglio tutto 
Voglio te
Ma non voglio essere in pace
Perché so già che anche quando sarai mia
Non sarò sazio
Troppo tempo a sognarti
Troppa aria che non sei tu
Come una pianta assetata
Aspetto la pioggia
Come un mare calmo
Aspetto la burrasca per lasciarmi andare
Vieni da me
Solo cosi tutto avrà un senso
Accartocciami come carta straccia
Nella frenesia della  passione
E dopo con le tue carezze
Ridammi vita
Componi sulla mia pelle
La tua più bella melodia
Accendimi con un sospiro
E lasciami bruciare 
Niente di pu bello potrebbe accadermi
Niente dopo averti vista
Niente
Tu sei la sola ossessione che può guarirmi
La lama che mentre ferisce sana
Il male giusto

Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

1 commento

  1. Qual può essere la cartina di tornasole, o chimico stanco, della passione del momento?
    Memento: “Videtur esse charitas, sed est VEL carnalitas”!
    “Un mare con l’onde rotte” ( Vedi l’Opera omnia di GERMANO ):
    la burrasca è all’orizzonte.
    L’ossessione ti cura, ma non ti guarisce:
    l’omeopatia è più efficace!
    GERMANO (pseudonimo di un vecchio “poeta” in erba: Michele DI GIUSEPPE).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui