È finita dell’epoca delle iniezioni di botox e del lifting al viso?

Un trattamento rivoluzionario pare faccia ringiovanire di almento 15 anni in meno di un mese (28 giorni per la precisione)!

Il nuovo metodo di eliminazione delle rughe e di rassodamento della pelle del viso e del collo farà quindi perdere il lavoro ai chirurghi plastici?

Molti specialisti in cosmetologia, dermatologia e medicina estetica non hanno dubbi in proposito: sì.

Con lo sviluppo di una formula ringiovanente macromolecolare e pure naturale, è giunta la svolta tanto attesa nella lotta contro i segni dell’invecchiamento della pelle.
Pare che ben oltre alcune migliaia di utenti del trattamento abbiano eliminato più del 90% delle rughe e riacquistato la compattezza giovanile della pelle del viso e del collo in meno di un mese.

Hanno così ottenuto l’effetto di riempimento delle rughe identico a quello delle iniezioni di botox e del lifting ma senza doversi sottoporre a alcun intervento.

Anche donne, che avevano già perso la speranza di riacquistare il loro aspetto giovanile, hanno fatto regredire i segni dell’invecchiamento cutaneo.

Ma com’è possibile?

Un tale Prof. Gardini (italiano esperto in biologia molecolare di cui purtroppo non riusciamo a reperire molte informazioni e che avremmo piacere di intervistare) ha deciso di liberare la moglie dai complessi causati dalle rughe e dalla perdita di compattezza della pelle e di restituirle un aspetto giovane.

Questo professore, dopo appena un anno di ricerche di laboratorio, pare abbia sviluppato una formula macromolecolare naturale, sicura e facile da usare che attiva il gene della giovinezza e fa regredire l’età biologica delle cellule.

Alcune riviste mediche hanno salutato questo trattamento come una “scoperta pionieristica nella cosmetologia” perché grazie all’azione della sua formula macromolecolare, anche donne in età avanzata potranno eliminare le rughe e tonificare la propria pelle restituendole un aspetto giovane.

Ma cos’è il Klotho?

Klotho é il nome attribuito ad un ormone prodotto dai nostri reni e dal cervello (attraverso cellule che producono il fluido cerebrospinale), definito non a caso come “ormone della giovinezza”, dove per giovinezza non si intende solo quella estetica, ma soprattutto cognitiva.
Diversi studi hanno provato che questo gene – noto anche come FGF23 gene-Sialidasi – è uno dei più coinvolti nei meccanismi di regolazione dell’invecchiamento ed in grado di migliorare le funzioni cerebrali.
Quindi, questo ormone, sembra essere in grado di prolungare la durata della vita, renderci più brillanti – o smart, per dirla con un termine oramai ampiamente utilizzato – più a lungo dal punto di vista intellettivo ed aiutarci persino a combattere i disturbi legati all’invecchiamento.

Sarà vero? Aspettiamo con ansia di poter intervistare l’autore di una tale scoperta…

Articolo precedenteViaggio in Cambogia: giorno 4 – trekking Chi Phat
Articolo successivoIl latte versato
Maria Grazia Del Franco
Sono nata a Napoli. Laureata in lettere moderne, ho coltivato fin da ragazza la passione per la scrittura, sempre con un occhio attento agli episodi che si verificavano nella società. Spinta da un amico d’infanzia, ho iniziato a scrivere, partecipato e vinto vari premi letterari con alcune poesie (“a mia madre” e “l’ultimo desiderio”). Sono socia di “Accademia Edizioni ed Eventi”, gruppo di autori ed artisti che con certosina pazienza, danno spazio alla cultura, organizzando anche eventi e contribuendo alla diffusione dell'arte e del talento. Collaboro alla rivista SCREPmagazine con la rubrica ”LEGGIAMO INSIEME”...e non solo...

2 Commenti

  1. Mi piacerebbe avere notizie sul prof. Gardini.

    Dove si è laureato il prof Danilo Gardini? Dove lavora?Cosa ha pubblicato?

  2. Gentile signora Loredana Zeminian, anche a me piacerebbe conoscere il prof.Danilo Gardini per intervistarlo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui