Per leggere la puntata precedente clikkate sulla FOTO

Il coraggio di Gaia (Parte 2a)

 

Era un mattino in cui Gaia si era svegliata prima del dovuto.

Oramai adulta, si sentiva libera di fare ciò che desiderava.

I genitori erano fieri per come era cresciuta e si fidavano di lei senza remore.

In realtà ella usciva quasi tutte le mattine a fare la spesa…Faceva il giro del borgo dove incontrava le amiche e qualche spasimante che la corteggiava.

Non mancava, infine,  di passare, anche,  a salutare la cugina Esmeralda che essendo sua coetanea, era divenuta sua complice in tutto ciò che le confidava, o quasi.

Infatti non aveva mai fatto cenno del problema con il nonno.

Un po’ per vergogna, ma anche perché non voleva mettere in cattiva luce l’anziano uomo e se stessa.

Quella mattina, però, dopo una notte insonne in cui aveva preso la sua decisione,  alzata di buon mattino, sorprese tutti: infatti, prima di uscire, aveva preparato loro la colazione.

Attese che tutti andassero via e quando rimasero da sole, madre e figlia, con molto coraggio, ma anche imbarazzo, le raccontò tutto.

Immaginate lo sconvolgimento della madre…Non riusciva a credere che il padre del marito avesse osato tanto.

In un primo momento,  presa dall’ira, avrebbe voluto andare personalmente dal suocero per svergognarlo, ma razionalmente pensò che nessuno le avrebbe creduto, rischiando di perdere la fiducia e la stima dei cognati.

Trovava tutto ciò rischioso al punto di poter fare scoppiare uno scandalo, in quel luogo dove ognuno sapevano tutto di tutti e, per precauzione, limitò Gaia di recarsi in casa degli zii nel caso fosse rimasta da sola con il nonno.

Gaia, naturalmente, non poté che accettare il consiglio della madre evitando svariate visite che prima, per lei, erano usuali.

Adesso si sentiva più serena, aveva l’appoggio della madre sulla quale sapeva di poter contare.

Fra di loro vi era un bellissimo rapporto, erano sempre state complici in tutto.

Intanto trascorrevano i giorni, le settimane  e i mesi…Gaia diveniva sempre più bella e corteggiata.

Al contrario, la cugina Esmeralda, nel corso degli anni,  si era fatta robusta e cominciava a sentire imbarazzo quando usciva con Gaia ed anche invidia perché i ragazzi preferivano la cugina a lei.

Con il tempo, sentendosi ignorata, cominciò a provare, insieme alla sua mamma,  invidia, fin quando si rifiutò del tutto di uscire con lei.

Questo provocò, nel tempo,  un distacco delle rispettive famiglie… il loro rapporto si era incrinato!

CO N T I N U A…

Grazia Bologna

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui