Che cos’è un presentimento?
E’ un sussurro, un bisbiglio di quella che Maeterlinck chiama “la vita che sa tutto, senza averne coscienza” diretto a quell’altra “che tutto ignora avendo l’intelligenza”.
L’introspezione spirituale consente a chi è aperto a questo colloquio con se stessi, di acquisire delle comunicazioni che prima gli erano ignote imprevedibili e incredibili. La riprova è il caso riportato da Camillo Flam Marion: un tale, una sera, provò l’improvviso quanto inesplicabile impulso di spostare il suo giaciglio da una stanza ad un’altra; subito dopo che si spostò di stanza, il tetto crollò nella più inattesa delle maniere. Questi impulsi o sensazioni sono in realtà l’espressione di avvertimenti precognitivi, che non riescono a tradursi nel chiaro linguaggio della coscienza.
Un certo Mac Govan, capitano inglese di marina, acquistò dei biglietti per uno spettacolo teatrale a Brooklin per condurvi i propri figli ma, sentì l’impulso di non portarceli. Tra se e se si svolse una lotta tra la delusione per aver mancato ad una precisa promessa per i figli e l’impulso irrazionale che lo induceva a non recarsi in teatro. Alla fine cedette a quel sussurro di cui si è parlato in apertura e la decisione fu determinante. Quella stessa notte il teatro fu distrutto da un grande incendio nel quale perirono 300 persone. A me sono successi degli eventi che, al contrario mi hanno procurato degli eventi spiacevoli ma fortunatamente non letali. Forse in alcuni casi se avessi dato ascolto alle percezioni e alla sensibilità di mia moglie, spesso comunicativa con il suo inconscio, ne avrei potuto evitare qualcuno. Ci trovavamo a lezone di ballo, tango argentino, e prima che la lezione finisse, ostinatamente come se un’irrefrenabile urgenza mi dominasse, le ripetevo di tornare a casa. Lei cercava di dissuadermi anche perchè non c’erano motivi di urgenza; ma io insistevo quasi invasato perchè il destino aveva una finalità che capii in seguito. Doveva accadere l’incidente e accadde: in preda ad ansia non vidi uno stop e andai a collidere con l’unica macchina che transitava a quell’ora, le 23. L’impatto fu violentissimo e fortunatamente senza vittime. Il fatto è la riprova che questi sussurri o bisbigli e queste voci imperiose che a volte sentiamo dentro di noi vanno debitamente interpretate e da questo evento è nata in me la convinzione di fare una ricerca introspettiva e interpretativa degli eventi che agitano la nostra mente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui