Durante la presentazione del mio libro “Naufraghe” nel comune di Cessaniti, organizzata dal “Comitato Crisalide“, guidato dalla poetessa Romina Candela con la partecipazione di Salvatore Berlingeri e il sostegno del Sindaco Francesco Mazzeo, ho avuto modo di conoscere e apprezzare le opere pittoriche di Lena Emanuele

E’ raro trovarsi in sintonia con una persona.

Lo è a maggior ragione se la persona non la conosci.

I suoi quadri sembravano ai presenti in sala, espressione del libro “Naufraghe”. 

 

Lena Emanuele abita a Vibo Valentia ma si ritiene cittadina del mondo: sempre aperta a nuove sfide.

Ha studiato presso l’Istituto d’ Arte del comune capoluogo.

E’ un artista poliedrica. 

La sua arte si esprime con olio su tela, acrilico e carboncino. 

Ha partecipato ha diverse mostre collettive e concorsi, ricevendo apprezzamenti per le sue opere. 

Accantona per un pò la pittura per sviluppare altre forme d’arte ma il suo amore e la sua passione per i pennelli, la riportano sui suoi passi, dando vita a dei quadri che vanno dritti al cuore. Le immagini impresse su tela arrivano dritte al cuore.

Non hanno bisogno di parole per comprendere l’animo dell’artista e il messaggio che vuole trasmettere. 

Chiedo a Lena: <<Quando ti trovi innanzi a una tela bianca e con la tavolozza in mano, sai già cosa vuoi dipingere o è in quel preciso momento che nasce l’ispirazione?>>. 

Risponde Lena: <<Un artista non sa mai cosa dipingere, se non su commissione. Io ho una tela bianca su cavalletto che da giorni aspetta gli dia colore… A volte, mi ci metto davanti ma niente! Vado via. L’idea nasce quando c’è l’ispirazione, quando si accende la fiammella. Poi, caso mai, si fa qualche modifica>>.       

Le sue pennellate dolci, in un gioco di luci e colori, mettono in risalto le emozioni che la dominano.

Trovarsi davanti a una sua tela e poter descrivere ciò che suscitano non è semplice : parlano!

Ogni pennellata trasmette vita: è come leggere nel suo animo.

Questo è lo scopo dell’arte: trasmettere “emozioni che vibrano dentro”.

Lena Emanuele ci riesce egregiamente…

MARIA LUANA FERRARO

   

  

Articolo precedenteGuardami il cuore
Articolo successivoSelfiamoci tutti
Maria Luana Ferraro
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui