Ho perso per sempre i tuoi occhi.

Era quello l’amore, quando nelle tue pupille rubavo prima un brivido e poi un sogno che bruciava nel cuore nella notte…

E poi ancora tutti quei silenzi nudi che scivolavano dalle nostre labbra, i sussulti delle nostre onde sulle docili risacche.

Mentre le parole, nascoste in una carezza estrema, percorrevano il sentiero fertile della nostra pelle.

Ed io mi nutrivo dei tuoi sorrisi indiscreti e tu… di ogni mio inquieto pensiero.

Ho anche chiesto di te alle stelle perchè non ho mai scordato quel lampo di estasi che beveva tutto il mio tempo.

Incontrare i tuoi occhi è stato il mio viaggio più bello.

Piera Messinese

Articolo precedenteSanremo 2020… un successo enorme!
Articolo successivoMaria Maiolo e la Calabria
Piera Messinese
Sono nata il 13 Novembre del 1966 a Lamezia Terme, in Calabria, ove risiedo. Sono sposata ed ho una figlia. Se dovessi scegliere un attributo che possa caratterizzarmi, questo sarebbe “eclettica”. Sono “governata da uno spirito fortemente versatile” che mi dà energia, per cui mi sento letteralmente assetata di nuovi stimoli. Sono innamorata della scrittura da sempre e la mia formazione classica ha contribuito a mantenere vivo in me tale sentimento. Grazie alla passione per i classici latini e greci in primis ed in seguito agli studi universitari in Medicina e Chirurgia, ho potuto rendere creativa la mia elasticità mentale. Ma “illo tempore fu il Sommo” a rubarmi il cuore e così “Galeotta fu la Divina". Amo, quindi, leggere e scrivere e ritengo che ciò sia fondamentale per la crescita di ogni individuo. Flaubert diceva: _”Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi o, come fanno gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere.”… Sono Socia Fondatrice di “Accademia Edizioni ed Eventi”, Associazione culturale con sede a Roma che si occupa di cultura e di promuovere il talento. Scrivo su SCREPmagazine, rivista dell'Associazione, su cui curo varie rubriche.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui