? G U A R D A R T I
 
E’ ripensare a quelle spiagge belle,
a quelle arance rosse,
la campagna ribelle,
a papaveri e fosse
dove cresce soltanto
ciò che vuole.
Fichi d’india irti di spine
e le viole.

Ascoltarti parlare,
il suono che saltella
nell’aria fine e leggera,
una siepe di lauro cerato
senza spine,
poi la mattina,
quando ti svegli, presto,
quello è il giusto pretesto
per sognarti.
Passeggi, addormentato,
a petto nudo
bello come un Aidone.

Il tuo profilo delicato e perfetto,
il tuo profumo inebriante
che mi confonde tra la folla,
i tuoi occhi penetranti e azzurri
come l’oceano
e sogno di baciarti, sempre,
al mattino presto.

@Grazia Bologna

Articolo precedenteLost in space
Articolo successivoA quiet place
Grazia Bologna
Mi chiamo Grazia Bologna e vivo a Palermo. Affascinata sin da piccola dallo scrivere, ho partecipato a vari concorsi di Poesie. Nell’ultimo - “Canti a lu Ventu” - dell’Aprile 2018, ho avuto un riconoscimento particolare con la mia Poesia “L’Attesa”. Imprendidtrice in attività di Call Center nel ruolo di “Guidance Counselor”, ho condotto trasmissioni televisive e radiofoniche in emittenti regionali private per trattare le varie problematiche legate alla famiglie. Da Marzo 2018 collaboro con “SCREPmagazine” curando la rubrica “Racconti di vita vissuta”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui