La sera è  arrivata  
tu no. 
Ero lì sospeso
tra il dolore e la speranza
e con gli occhi che creavano
il tuo ologramma. 
Ero lì.
Sapevo
ma speravo.
Ero lì
per te
come una quercia
ho messo le radici. 
Senza te
non sarei andato via.
Ero lì. 
La notte nel frattempo è arrivata. 
La pioggia ed il tempo del domani. 
Ero lì per te. 
Un cane triste ai miei piedi
il  vento annoiato
la polvere che mi cresceva addosso. 
Ero lì per te. 
Inutile al mondo
errante ed errato
le mie mani giunte.
Ero lì per te.
Niente mi avrebbe distolto
niente convinto
niente spezzato.
Ero lì per te.
Saresti arrivata
sapendo che
ero lì per te…

Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

Articolo precedente“Le Illusioni” di Antonella Ariosto
Articolo successivoIn ordine sparso…
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui