Non sono io….è il cuore. 
Io non vorrei soffrire
vorrei poterti guardare e dire è mia. 
Vorrei poterti sfiorare
accarezzando i brividi sulla tua pelle. 
Vorrei poterti baciare
senza che ogni piccola vena dentro me
inizi a tremare. 
Vorrei abbracciarti
come fossi vento calmo
e non un mare irrequieto.
Vorrei guardarti negli occhi
per vederne il colore le sfumature
e non sentirmi bruciare
come un foglio di carta
in cui è scritto muoio per te. 
Vorrei lasciarti dormire dentro me
e non sentirti sempre scuotermi
come da un terremoto perenne. 
Vorrei amarti semplicemente
ma allora non saresti tu che amo. 
Perche tu sei
l’inafferrabile tornado che mi ha
catturato e mi trascina
inevitabilmente dentro se… 

Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

l

Articolo precedenteImprovvisamente…Tu (Parte 2a)
Articolo successivoLe mamme “Medea”
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui