Rifletto mentre si avvicina il 25 novembre, la data convenzionale, stabilita contro la violenza alla donna.

Che strane meravigliose creature le donne, le rendi felici con un niente e infelici allo stesso modo.

Amano incondizionatamente
e spesso costruiscono altari
per la persona amata.

Gioiscono come bimbe ad un complimento, soffrono se messe da parte.
Accettano e si battono estenuamente per ciò in cui credono.

Non puoi fermarle: sono vento.
Ma puoi respirare il loro profumo e sarà per sempre se saprai amarle.

Ancora oggi gli uomini uccidono le donne che coraggiosamente hanno deciso di troncare relazioni malate.

Chi ama non usa violenza, né fisica, né psicologica.
Chi ama non abusa, non picchia, non può farti male.

Donne, ancora oggi, costrette a fuggire insieme ai loro figli, via dall’orco.

Basta sentirsi colpevoli, sono loro, gli orchi, inadeguati.

Donne scegliete di vivere, in questa società che non aiuta, con queste leggi che non ci tutelano.

DONNA

Donna
la vita non ti ha annientata.
Spesso
ti ha tradita
costretta a
ricominciare la salita.

Le spalle
con immensa grazia
le hai mostrato
e di carezze
tenere e sensuali
ne hai fatto
fatati voli.

Con i tuoi lunghi capelli
a dare calore
all’anima
spesso infreddolita..

La tua bellezza
in un dipinto
senza tempo.

Antonella Ariosto

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui