Quando pensiamo ai concetti di charme e di femminilità non può non venire in mente l’eleganza e la bellezza di Dita von Teese, una delle artiste più apprezzate del mondo del burlesque.
Negli anni novanta i modelli di bellezza proposti hanno spinto l’immaginario verso donne dal taglio mascolino come carattere, pensiamo per esempio ad Angelina Jolie, invece la sexy Dita non ha cambiato di una virgola il proprio stile portando in scena tutto il fascino e la sensualità in un periodo storico fortemente stilizzato, quello tra gli anni trenta e quaranta

Sex symbol sempre sotto l’occhio dei riflettori, ancora più accesi su di lei dall’inizio della sua relazione con il famoso rocker Marilyn Manson , la von Teese non è solo il sogno di tanti uomini ma anche un punto di riferimento per tante donne per quel che riguarda lo stile a cui ispirarsi in ottica di fashion.

Il suo aspetto, così ricercato e dotato di eleganza, porta all’attenzione del pubblico, tutto il fascino dello stile vintage tipico di un teatro di Broadway. Icona da cui trarre ispirazione l’insegnamento della von Teese è la cura maniacale del dettaglio, la ricerca della perfezione dello stile, una vita consacrata alla bellezza e una predisposizione al lusso.

Dita von Teese è il simbolo vintage di un tipo di fascino che non tramonterà mai.

Ma la regina del burlesque è in grado di oltrepassare qualsiasi moda, imponendo se stessa come simbolo da cui trarre ispirazione. 
La giovane Heather cresce in famiglia, seguita dal padre operaio, ma soprattutto dalla madre, estetista, che le trasmette la particolare passione per il cinema stile anni Quaranta e per la moda retrò. La futura Dita rimane quindi affascinata, specialmente da Bettie Page e dalle pin-up.

Per qualche tempo pratica danza classica, aspirando a diventare ballerina professionista. In seguito si servirà della sua preparazione in questo campo per animare i propri spettacoli di genere “burlesque”, ballando” (in punta).Si racconta che da adolescente la madre la portò a comprare il suo primo reggiseno, di semplice cotone bianco, dandole anche un uovo di plastica contenente collant color carne. Lei avrebbe però desiderato vestiti con merletti e calze simili a quelle viste sui numeri di “Playboy” del padre.

A quindici anni inizia a lavorare in un negozio di biancheria intima come commessa e qui compra il suo primo corsetto. Grande amante della biancheria intima elaborata, come corsetti e calze, decide di andare al college per studiare storia della moda e diventare stilista e costumista.

La carriera del personaggio Dita Von Teese inizia a diciannove anni, in un locale di spogliarello, dove si distingue per originalità. Crea uno stile d’ispirazione vintage con capelli acconciati e guanti fino al gomito.

Il grande salto di popolarità arriva quando diventa la compagna di Brian Warner, rockstar nota come Marilyn Manson. Si sposano nel 2005 la cerimonia di nozze viene officiata dal regista Alejandro Jodorowsky, e si svolge in perfetto stile gotico e abiti ottocenteschi nel castello della Contea irlandese di Tipperary, di proprietà di Warner. Il matrimonio termina però solo due anni dopo per differenze e “troppi demoni” che avrebbero attanagliato il cantante. Dita Von Teese supera presto il difficile momento del distacco e accetta dalla rivista “Penthouse” la pubblicazione di sue foto molto sexy per un articolo intitolato “Ecco cosa si è perso Manson”. Heather Renée Sweet, meglio conosciuta come Dita Von Teese, nasce a Rochester (Michigan, USA) il giorno 28 settembre 1972. Famosa per lo striptease nel gigante Martini Glass e il suo look da pin-up dalla pelle d’avorio, è considerata icona fashion per lo stile vintage e sofisticato che è capace di esprimere.

Il burlesque è una forma di spettacolo che trova le sue origini nell’Inghilterra del XVIII secolo: importato negli Stati Uniti, questo genere d’intrattenimento ha subito molteplici trasformazioni fino a diventare, nel XIX secolo, uno show essenzialmente caratterizzato da una combinazione efficace di ironia e danze di ballerine.

Quello che oggi viene inteso come burlesque in realtà dovrebbe essere definito new-burlesque, durante gli anni Novanta la passione e il ritrovato apprezzamento per il mondo del vintage attribuiscono nuovo significato al burlesque, le protagoniste assolute di questi show sono famose in tutto il mondo e tra i nomi più rinomati spiccano sicuramente quelli di Dita Von Teese, Dirty Martini e Immodesty Blaize.

Quali sono le caratteristiche di uno spettacolo Burlesque?

In uno spettacolo d’intrattenimento sempre più simile al varietà, bellissime ragazze alternano danze sinuose a piccoli momenti comici, lo stile delle ballerine di burlesque è sicuramente inconfondibile, fatto di corpetti, pizzi, merletti , con un look che ricorda spesso le protagoniste degli spettacoli del francese Moulin Rouge.

La pelle bianca crea un contrasto di tendenza con il make up, che valorizza occhi e labbra con colori forti e dai tratti dark.

Angela Amendola

Articolo precedenteTu e… “La nostra favola d’Amore”
Articolo successivoFirst Man
Angela Amendola
Mi chiamo Angela Amendola e vivo in Calabria dove sono nata. Appassionata di letteratura, poesia, musica ed in genere di tutte le espressioni artistiche , mi sono dedicata allo studio della poesia contemporanea e poco conosciuta. Attratta anche dalle sonorità della poesia dialettale, ho organizzato presentazioni di libri ed autori. Faccio parte di associazioni letterarie e musicali e nel 2017 ho fondato, assieme ad altri Soci Fondatori, l’Associazione “Accademia Edizioni ed Eventi” per la quale scrivo su SCREPmagazine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui