Le magnolie grondanti di luce
ci indicarono la via
mentre la terra si nutriva di speranze
ed il glabro tempo timidamente
percorreva strade inerpicate e solitarie.

Ciottoli sotto le scarpe
solitudine sotto braccio
sogni nel cuore.

Ogni cosa occupava il suo posto.

Persino noi
trovammo un senso alla realtà
mentre Il crepitio delle anime
ci ricordava la necessità della cura.

Stolti ramarri al sole
inseguivano il piacere dell’ozio
e noi invidiosi
iniziammo a cantare a squarciagola
per allontanare la paura.

Due mani intrecciate
costruirono una casa.

Due cuori un rifugio
al riparo dal tempo attraversammo
i detriti del passato.

Dietro la collina
il sole ci sorrise
e sorridemmo anche noi.

Dopo tanto tempo…

Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

Articolo precedenteWhitney Houston: una principessa da salvare
Articolo successivoHo imparato…
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui