Non è la trama di un film!

Anche se sembra una sceneggiatura di un fim per adulti, è realtà.

Si tratta della vicenda di una ragazza colombiana di 28 anni, Yudi Pineda, che è entrata in convento.

Tutto ha inizio all’età di 10 anni quando sente al suo interno la vocazione e il desiderio di diventare suora.

Ma un giorno le cose sono cambiate e la ragazza ha deciso di cambiare vita e di abbandonare l’abito per diventare una pornostar.

La svolta è avvenuta quando aveva 18 anni. Yudi racconta ai giornali che proprio in quel periodo lei si è innamorata del suo professore di religione, un frate, e da lì ha capito che non avrebbe mai potuto diventare una suora.

Così ha abbandonato il convento dov’era cresciuta e ha deciso di entrare nel mondo dello spettacolo, per caso… 

Dopo un primo lavoro per la Nestlé, la giovane è stata notata dal talent scout che è proprietario di un portale di webcam per adulti.

Yudi così è diventata una star dell’hard, famosa certamente anche per la sua storia.

L’attrice di film a luci rosse si è raccontata ieri sera da Barbara D’Urso spiegando come sia passata dal sogno di diventare suora ai film a luci rosse.

Una conversione inspiegabile che lascia molti dubbi sui presenti in studio.

Tutti i presenti nel salotto della D’Urso sono stati d’accordo nel ritenere scandaloso e inappropriato il crocifisso che Yudi Pineda porta sul collo.

La discussione si accende ancora di più quando la pornodiva confessa di vestirsi da suora durante i suoi spettacoli.

Una vicenda blasfema per molti ascoltatori.

“All’inizio mi sentivo a disagio nel fare questo lavoro – ha dichiarato alla stampa locale – ma ora sto bene e mi sento bene anche quando vado in Chiesa. Non manco mai alle preghiere del venerdì, alle riunioni del sabato e alla Messa domenicale”.

Sul suo profilo Instagram lei pubblica delle foto accompagnate da messaggi in cui dichiara di essere felice della sua scelta e di stare bene con sé stessa.

Nel mondo della perversione nascosta e del perbenismo invece manifesto, ormai la spettacolarizzazione si insegna da piccoli,  la giovane è oggetto di polemiche, di pubbliche accuse, di minacce e oltraggi.

Lei ha risposto con una lettera eloquente, educata:

“Tutti mi chiedono perché lo faccio. La risposta è semplice,perché amo il mio lavoro“…

Angela Amendola 

Articolo precedente“It” di Giusi Talarico
Articolo successivoLa pace, bisogna volerla
Angela Amendola
Mi chiamo Angela Amendola e vivo in Calabria dove sono nata. Appassionata di letteratura, poesia, musica ed in genere di tutte le espressioni artistiche , mi sono dedicata allo studio della poesia contemporanea e poco conosciuta. Attratta anche dalle sonorità della poesia dialettale, ho organizzato presentazioni di libri ed autori. Faccio parte di associazioni letterarie e musicali e nel 2017 ho fondato, assieme ad altri Soci Fondatori, l’Associazione “Accademia Edizioni ed Eventi” per la quale scrivo su SCREPmagazine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui