Skioffi, chi è? Non sapevo della sua esistenza! Poi ho letto un articolo su un giornale on line, sono rimasta senza parole, chi aveva scritto l’articolo era profondamente colpita. Un’amica mi scrive: “leggi e dimmi cosa ne pensi”, mandandomi il link  che rimanda al solito giornale. Ne parliamo, e decido di ascoltare alcuni brani di questo tizio. Resto sgomenta dalla volgarità e dalla violenza delle parole. Poi mi cimento nella lettura dei commenti sotto ai video del tizio.

Genio!

Poeta!

Unico!

Le poche Donne che osano commentare insultate come femministe.

Mi chiedo se sono io e altre donne ad essere fuori dal mondo, a restare sgomente, o se questo modo così violento di dichiarare amore o desiderio sia la normalità. Siamo in un mondo dove la donna è ancora legata a certi schemi mentali maschilisti e prepotenti, e molte si ritrovano ad avere paura di palesare il proprio sconcerto, altre si adeguano alla loro insicurezza accettando situazioni di sottomissione e silenzioso vivere, altre ancora sfoggiano l’arroganza propria dei maschi, tutto questo con un sovvertimento umano che è causa di molte efferate violenze.

Allora mi chiedo se tutto questo non può essere evitato, con divieti e censura.

Sono per la libertà di espressione, ma quando un individuo che parla soprattutto ai giovani ( 12 mila visualizzazioni per un solo video) si permette di usare parole e immagini violente, trasmettendo un forte disagio mentale a mio avviso va censurato.

In uno dei suoi video trasmette la violenza verso una donna che merita la morte perché lo ha tradito!

Ora guardandolo ho provato la sensazione che in tutte quelle immagini ci fosse un messaggio chiaro: tu mi tradisci e io posso ucciderti tranquillamente, tu colpevole: sei l’unica colpevole della tua morte, assolvendo così chiunque perpetri la violenza sulle donne.

In questi tempi così violenti verbalmente e non solo, le donne ( vedi il caso Desire) si vuole dare colpa alle vittime, per liberare dalle colpe un disagio di certi maschi violenti? ( Mughini docet)

Scusatemi ma credo che tutto questo porti la nostra epoca all’indietro di secoli, forse tornerà anche la Santa Inquisizione e le donne andranno nuovamente al rogo? Oppure, troveranno certi individui nuovi modi di palesare la loro sudditanza alla paura di sentirsi inferiori nei riguardi di una donna?

Il possesso, la violenza, l’umiliazione, la sopraffazione fisica, non fanno di una bestia un Uomo!

     Fioralba Focardi 

Articolo precedentePaccìa (Pazzia)
Articolo successivoChe noia!
Fioralba Focardi
Sono Fioralba Focardi, sono scrittrice, editor e organizzatrice di eventi. Ho all’attivo tre libri miei pubblicati e quindici come editor per vari autori. La mia passione di scrivere si accompagna alla letture dei brani, che faccio spesso in pubblico con musica e a volte danza. Credo nella forza della parola, cerco sempre di usarla per costruire, sono convinta che parlando e spiegando si possano colmare le distanze. Ho realizzato una mostra fotografica Trasposizione, con fotografie del Fotografo Andrea Luca Luongo e poesie scritte sulle sue immagini.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui