Camicia Bianca

Sento il tuo sguardo addosso, indagatore e alzo gli occhi.

Mi guardi così stranamente stasera… lo sguardo rivolgo in basso,

perché hai capito:

lo sento e me ne vergogno.

Per te, nulla di me è stato mai mistero.

Era questo che sempre mi ha spaventato.

Tu sapevi sempre

pur non avendo io proferito parola.

Non dovevo dirtelo: adesso lo so, guardandoti.

Ma quella sera, cedetti allo sconforto

di dirti cosa mi stringeva l’anima.

Mi hai fatto mille domande a cui non sapevo rispondere

mentre cercavi di capire.

Ti sei addolcito,

hai ripetuto le più belle parole che mai mi furono dette,

nell’inutile tentativo di riportarmi a te.

Mi hai detto dimentica, lascia andare prima che sia tardi,

chiudi… ci sono io!

Non risposi… avrei voluto ma

non avrei mai potuto.

Adesso sapevi che mai il noi sarebbe arrivato!

Tratta da “Naufraghe” di Maria Luana Ferraro

*diritti riservati copyright

Articolo precedenteLimone
Articolo successivo“La mafia” (Alda Merini)
Maria Luana Ferraro
Sono Maria Luana Ferraro, consulente aziendale e mi occupo anche di finanza personale. I calcoli sono il mio lavoro, le parole la mia passione. Fin da bambina, anziché bambole e pentoline, chiedevo libri, quaderni e penne. A sei anni ho ricevuto la mia prima macchina da scrivere. Appassionata di letteratura italiana e straniera, il mio più grande sogno è sempre stato diventare giornalista. Sogno che, piano, si sta realizzando. Socia fondatrice della “Associazione Accademia & Eventi”, da agosto 2018 collaboro con “SCREPMagazine” curando varie rubriche ed organizzando eventi. Fare questo mi permette di dare risalto a curiosità e particolarità che spesso sfuggono. Naturalmente, in piena coerenza con ciò che è il mio modo di interpretare la vita…eccolo: “Quando la mente è libera di spaziare, i confini fisici divengono limiti sottili, impercepibili. Siamo carcerieri e carcerati di noi stessi. Noi abbiamo le chiavi delle nostre manette. La chiave è la conoscenza: più conosci, più la mente è libera da preconcetti e ottusità. Più la mente è aperta, più si ha forza e coraggio così come sicurezza. Forza, coraggio e sicurezza ti spingono a tentare l’impossibile affinché divenga possibile.”

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui