A guardarti di spalle
si potrebbe pensare
che sei
una normale giornata col sole .
Perché è difficile
capire le sfumature dell’arcobaleno.
Poi ti volti
strizzi gli occhi
fai finta di non interessarti
ti mordi le labbra
stringi le dita
e tutto intorno si ferma.
Ma è quando mi sorridi
che il rombo del fiume
inizia a scuotermi da dentro.
Sposti i capelli
e la potenza di una tigre mi cattura.
Mi scuoti
mi svuoti
mi trascini
su un ghiacciaio bollente.
Comandi
decidi
pretendi
e infine
come il vento
dopo una giornata a soffiare
decidi di fermarti sul mio petto.
Troppo anche per me
che devo assaporare l’aria
per tornare normale.
Come se niente fosse
mi sfiori il viso
mi assaggi le labbra
e veloce corri via
a illuminare il mare fermo
lasciandomi felice
ad aspettare la luna nuova…

Maurizio Gimigliano © Copyright 2019

Articolo precedenteRazzismo
Articolo successivoL’orgia Desigual e Lourdes Maria Leon
Maurizio Gimigliano
Sono Maurizio Gimigliano, ingegnere chimico da sempre appassionato d’arte. Forse essere sempre a contatto con formule e numeri ha fatto emergere la necessità di esprimere la parte creativa nascosta dentro me. E dopo anni di strumenti musicali (chitarra e sax), ho iniziato a scrivere poesie d’amore provando a descrivere le emozioni e le sensazioni che si vivono nelle varie situazioni ed esperienze amorose. Amore inteso in ogni sua forma ed espressione purché sentimento intenso e coinvolgente. Dal 2018 scrivo su SCREPmagazine e sono socio di Accademia Edizioni ed Eventi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui