Another è una light novel di genere horror  ideata da Yukito Ayatsuji. È considerato uno dei manga ed anime più famosi del genere Horror. Hiro Kiyohara si è occupato dell’adattamento manga, mentre nel 2012 è andato in onda l’anime, prodotto da P.A. Works.

La morte è buia, nera al di là di ogni immaginazione…e si è da soli; ma non è poi così diversa dalla vita, no? Non importa quante amicizie avremo, saremo sempre soli…

Nel 1972 un ragazzo, Misaki, frequentante la 3C delle scuole medie Yomiyama Nord, muore assieme alla sua famiglia nell’incendio di casa propria.  L’intera classe, sconvolta dalla perdita, decide di continuare a fingere che sia ancora in vita. Alla classe si aggiungono persino i professori ed il preside alla consegna dei diplomi fa mettere in aula anche la sua sedia.

Proprio in quell’anno accade un fatto molto inquietante: nella foto di diploma della classe compare anche Misaki.

Dall’anno successivo iniziano a morire in circostanze misteriose alcuni studenti, a volte con relativi parenti ed insegnanti della sezione C.

Nella primavera del 1998 un ragazzo di 15 anni, Kouichi Sakakibara, si trasferisce da Tokyo a Yomiyama per stare con i nonni e incontra una strana ragazzina sua compagna di classe con un occhio artificiale dalle strane qualità, Mei, trattata da tutti gli altri come se non esistesse e persino Sakakibara viene intimato di non avvicinarsi a lei.

Infatti, dopo la morte di Misaki, ogni anno nella 3C è presente la cosiddetta “persona in più”, un individuo defunto ma che non sa di esserlo e proprio per questo deve essere ucciso per riportare l’equilibrio ed evitare che uno o più alunni di quella classe debbano essere considerati invisibili, per soppiantare “l’eccesso”.

Vi è, però, soltanto un unico e terribile problema: una volta iniziati cataclismi e calamità a dir poco spietati che metteranno a rischio la vita degli alunni della 3C e dei loro parenti, non si potranno più fermare perché ormai sarà troppo tardi.

Quando pensano che la prossima volta potrebbe toccare a loro diventano disperati e anche un po’ irragionevoli. Non ci sono garanzie, ma se c’è una possibilità di fermare il disastro e aiutare tutti non ne vale la pena? È davvero trite quando la gente muore…

Another è uno dei pochi anime horror che riesce davvero a far accapponare la pelle: anche se sono soltanto dei ragazzini delle medie, sopravvivere a dei veri e propri disastri è una sorta di corsa contro il tempo. Il prossimo potrebbe essere chiunque, nessuno escluso. La triste morte degli alunni della 3C è improvvisa, tragica e senza scampo. 

Giorno dopo giorno a partire dall’inizio della calamità si sta col fiato sospeso, sempre attenti in un’atmosfera macabra e tesa che si dilunga in tutte le puntate, in cui i ragazzi muoiono uno dopo l’altro.

Le animazioni sono buone e i personaggi ben descritti.

Consigliato agli amanti del genere che vogliono restare incollati allo schermo per tutta la sera a godersi dubbi, ansia, misteri ed inquietanti splatter sanguinosi e improvvisi. La diffidenza e i sospetti inizieranno a insinuarsi da subito fra i ragazzi, i quali compiranno gesti estremi pur di scovare la verità e salvarsi. Riusciranno quindi Sakakibara e Mei a scoprire chi è il “morto” e a proteggere tutti gli altri prima che la calamità li colpisca?

Giusi Talarico 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui