L’emergenza Coronavirus ci ha costretto a rimanere chiusi in casa per mesi, privandoci delle nostre abitudini. È stato un cambio necessario per sconfiggere al più presto questo nemico, odioso, per poter ritornare alle nostre vite, a quelle di prima.

Eppure mai come in questo momento difficile, abbiamo visto tanta solidarietà e generosità.

Gigi D’alessio in foto

È quanto ha testimoniato un video che è stato girato a Napoli e poi è diventato virale sui social.

Nelle immagini che scorrono si vedevano gli abitanti di un quartiere, affacciati dai balconi dei loro palazzi e cantare “Abbracciame“, una canzone del neo-melodico Andrea Sannino.

È stato un messaggio di speranza, perché come ha detto il premier Conte “siamo distanti oggi per abbracciarci con più calore domani”.

“Finalmente stasera sto ‘ccà nzieme a te,

e nisciune po’ sentere

So’ nù poco scurnuse e ‘sti ccose tu ossaje,

nun sò buono a le ‘ffa’

chi nun tene curaggio ‘int à vita,

nù suonne ò po’ sulo perdere

e pirciò si stai ‘ccà l”e capite,

ca o’ suonne mio si tu

me song nammurate e te,

so’ pazzo ‘e te, so’ pazzo ‘e te!

stai redenno e te fai ‘cchiù vicino,

me vase primmo tu…

e allora si, abbracciame cchiù forte,

pecchè po’ chi se ne fotte

si tutto ‘o tiempo ca è passato è tiempo perzo

o si dimane nun esiste niente cchiù

abbraccieme stanotte, nun me voglio arricurdà

e tutte ‘e vote ca t’aggie sunnate,

ca me scetave ma nun stive ‘ccà

Quanti cose se pensano a vote primm’ ‘e putè di,

te voglio bene

ce fa’ quasi paura a’penza
ca te può ‘nnammura,

accussi dint’ a’ n’attimo

comm è bell a’cantà na canzone pe’ tte,

mentre ‘e mane se cercano

e si sbaglio ‘e parole nun succede niente,

te guarde, e e’torno a ‘nventà

me songo nammurate e te, so’ pazzo ‘e te,

so’ pazzo ‘e te!

stai rerenno e te fai ‘cchiù vicino,

me vase primmo tu …

e allora si, abbracciame cchiù forte,

pecchè po’ chi se ne fotte

si tutto ‘o tiempo ca è passato è tiempo perzo

o si dimane nun esiste niente cchiù

abbraccieme stanotte,

nun me voglio arricurdà

e tutte ‘e vote ca t’aggie sunnate,

ca me scetave ma nun stive ‘ccà

…… abbraccieme stanotte,

nun me voglio arricurdà

e tutte ‘e vote ca me so sbagliate,

quanne parlavo dà felicità “.

All’inizio può sembrare un po’ patetico, prevedibile e forse, anche banale.

Ma se ci pensiamo qualche secondo e facciamo uno sforzo per ricordarci la magica atmosfera di Napoli, delle sue vie e della sua gente, allora tutto cambia colore.

Anche certe frasi, che prima sembravano banali e scontate, guadagnano un sapore unico.

Il sapore della famosa magia della città del Vesuvio.

Ma cos’è la musica neo-melodica?

È per me la musica che arriva direttamente e semplicemente al cuore.

La musica neo-melodica trova origine nella canzone napoletana classica, ma culturalmente si pone opposta rispetto alla tradizione.

Se la canzone napoletana occupa una rilevanza storica nella musica italiana, essendo uno dei primi esempi di canzone moderna, con origini settecentesche e ottocentesche, la musica neo-melodica si pone come un fenomeno locale, perché racconta una realtà che è tipica di alcuni quartieri napoletani.

Le anticipazioni per questa rivoluzione si ebbero negli anni Settanta.

Quando la canzone classica napoletana entrò in crisi, furono due i filoni che tornarono a dare vigore alla musica partenopea.

Il filone della sceneggiata, che ebbe in Mario Merola il suo più grande interprete e quello del neapolitan power, un fenomeno di artisti che rielaborarono la musica napoletana unendola con tradizioni anglosassoni.

Basti pensare a Pino Daniele, ai Napoli Centrale, Eduardo De Crescenzo o Alan Sorrenti.

Gli anni Ottanta portarono alla fine della sceneggiata “merolana” e si fece spazio all’esplosione di un fenomeno nuovo, quello appunto della musica neo-melodica, che si basava sulle stesse emozioni.

Amori tormentati, abbandoni, figli.

La musica neo-melodica vantava però un’altra origine perchè era espressione di una Napoli popolare, che si rivolgeva alle persone dei quartieri bassi, i più poveri. I primi cantanti a portare al successo questo nuovo genere furono nomi come Gigi Finizio, Nino D’Angelo e altri… Il caschetto biondo di Napoli in particolare divenne una vera star, capace di varcare i confini napoletani e italiani e arrivando negli anni Ottanta a esibirsi su palchi come quello dell’Olympia di Parigi, del Madison Square Garden di New York e dello stadio Wembley di Londra.

Poi per un periodo scomparve.

ll posto lasciato vuoto da un artista come D’Angelo venne ripreso già durante gli anni Novanta da un altro cantante che, fin dagli inizi mostrò un talento differente rispetto al resto della scena, è Gigi D’Alessio.

Quest’ultimo seguì le orme del predecessore e nei primi anni Duemila portò la musica neo-melodica a varcare i confini locali e nazionali, anche grazie alla scelta di cantare non più in napoletano ma anche in italiano.

Cosa resta oggi della musica neo-melodica?

In realtà, è uno dei pochi generi che gode di ottima salute, aumenta sempre la produzione, ha fatto proseliti in tante zone del Sud Italia e ha portato alla creazione di altre star come il bravissimo Gigi Finizio.

Classe 1965, Gigi Finizio nato nel Rione Sanità è senza dubbio uno dei principali interpreti della canzone napoletana neo-melodica negli ultimi decenni.

Il suo curriculum è davvero lunghissimo ed è costellato anche da tre partecipazioni al Festival di Sanremo, e da un certo riscontro in termini di vendite.

Come non ricordare la stupenda “Amore amaro“?

Le mani, tutto incomincia sempre con le mani, e ancora non le hai detto che la ami
Anche se lei lo sa.
E poi, sai respirare solo se c’è lei, diventi tutto quello che non sei
Diventi come ti vorrebbe lei, ma non ti basta mai, mai.

Amore amore amore amaro amore mio, amore che potrà fermare solo Dio
Ma questo amore senza cielo volerà, nelle tue maniiiii,
Amore senza amore amore che non ho, amore che non vincerà se tu non vuoi
Amore grande chiuso dentro una bugia, senza domaniiiii,
Domani, domani, cosa sarà domani.

Se per noi due non ci sarà domani, riprenderò la vita mia di sempre
Ma senza te io non avrei più niente, più niente, niente.
Amore amore amore amaro amore mio, amore che potrà fermare solo Dio
Ma questo amore senza cielo volerà, nelle tue maniiiii,
Amore senza amore amore che non ho, amore che non vincerà se tu non vuoi
Amore grande chiuso dentro una bugia, senza domaniiiii, domani
Amore amore amore amaro amore mio, amore strano amore pazzo amoreeeeeee
Senza domani, domani.“…

E poi un posto nella musica neo melodica va a Salvatore Michael Sorrentino, in arte Sal Da Vinci, nasce a New York il 7 aprile 1969. Il padre, l’italiano Mario Da Vinci alla fine degli anni ’60 lavora come impiegato nella metropoli statunitense, ma è anche uno dei maggiori interpreti della sceneggiata napoletana che lo fa diventare uno dei primi interpreti del filone neo-melodico napoletano.

Salvatore debutta in teatro con il padre all’età di sei anni, cantando e recitando; in seguito prende anche lo stesso nome d’arte (Da Vinci).

Nel 1974 debutta nel mondo musicale ed incide la canzone “Miracolo e Natale” di Alberto Sciotti e Tony Iglio; il brano, nel quale duetta con il padre, trova gran successo e da qui ne viene tratta la sceneggiata omonima.

Nel 1978/79 arriva la possibilità di provare a entrare nel mondo del cinema, così Sal Da Vinci prende parte al film di Alberto Sciotti “Figlio mio sono innocente” con Dolores Palumbo, Carlo Taranto, Gennarino Palumbo e Giuseppe Anatrella; l’anno successivo gira la pellicola, sempre di Sciotti, “Napoli storia d’amore e di vendetta” con Paola Pitagora e Maria Fiore.

Per oltre dieci anni Sal calca i palcoscenici di tutta Italia portando in giro una forma di spettacolo prettamente popolare: la “sceneggiata“.

L’esperienza negativa di non veder mai pubblicati su disco, due brani incisi con il musicista James Senese, alcune “finte promesse” prospettategli e grandi sforzi mai ripagati, lo inducono a gettare la spugna per il settore discografico.

Nel 1983 è protagonista del film musicale “‘O motorino” e nel 1986 recita al fianco di Carlo Verdone nel film “Troppo forte“, nel ruolo dello “scugnizzo” Capua.

L’amore e la passione per la musica non si possono nascondere e, forte del successo ottenuto per le pellicole e carico dell’appoggio di chi veramente crede in lui, Sal Da Vinci torna alla carica: ventenne, scrive e canta canzoni, e nel 1993 viene scritturato dalla Ricordi con cui inizia a incidere.

Il disco che preferisco? “Non riesco a farti innamorare mai di me…”

Per finire la mia breve incursione nella musica neo-melodica napoletana (non posso citare tutti, sono bravi e tanti), non posso non ricordare una donna, Valentina Stella.

Di una famiglia con ventuno figli, lei è la sedicesima. Duecento nipoti e cento pronipoti. Una famiglia enorme dove la regola però è sempre stata una sola: arrangiatevi. Immacolata Iorio, cioè Valentina Stella, è una grande interprete della canzone napoletana.

Vi lascio con il testo della sua bellissima “Passione eterna“…

Quanne te me vo bbene
je’ m attacc a stu’ bene e nun trove’chiu a mme’

Giure…
ca tu nun si cchiu’ niente
ma giure inultimente
comme te lasse chiu

s’i’ cerca scusa a gente
ca io ferme e nun si tuPassione…
Passione eterna mia
Che vo’ sta gelusia
pure inte suonne me fa’ schiavo’e te

Velene…
Jo te chiammo velene
quanno tu me vuo’ bene
j’ m attaccho a stu bene
e nun trove cchiu’ a me

Bella…
Si bella sulamente
ma dinte o core niente
nun tiene niente cchiu’
e jo’more ogne mumento
te sonno e nun si’tu

Passione…
Passione eterna mia Che vo’sta gelusia
pure inte suonne me fa’schiavo’e te

Velene…
Jo te chiammo velene
quanno tu me vuo’bene
je’m attacho’ a stu bene
e nun trove cchiu’a te
Passione eterna mia
Passione eterna mia”.

Passano i secoli, le mode musicali ma i sentimenti che vi si riversano sono immortali.

Angela Amendola

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui