Dopo Maurizio Gimigliano e Fioralba Focardi, un nuovo incontro si é tenuto il 14 febbraio scorso alla Biblioteca “Vaccheria Nardi” di Roma con Accademia.

Il Prof. Emiliano Cheloni ha intervistato Arsenio Siani sulle storie e sulle tematiche raccontate nel libro “Quello che le donne non dicono”.

Un sentito e rinnovato ringraziamento alla “amichevole” accoglienza da parte della Biblioteca, al Dott. Giorgio Salerno e ai tanti che sono intervenuti all’evento.

Ha iniziato la serata Antonella Ariosto con una sua poesia d’amore animata poi anche dalla presenza di Amedeo Brogli, pittore romano, che ha esposto alcune sue opere raffiguranti la bellezza femminile.

(http://www.amedeobrogli.it/)

Amedeo Brogli, nato in Lucania, a Palazzo San Gervasio (PZ), vive e lavora a Roma.

Completato il corso di Scenografia all’Accademia di Belle Arti di Napoli, si è inserito nell’ambito dell’arte e dello spettacolo.

Pittore e scenografo, è stato collaboratore di Guttuso nelle ultime grandi tele e nei dipinti pubblici di Varese e Messina.

Ha curato allestimenti teatrali, ha collaborato a scenografie cinematografiche e a Parigi ha lavorato per il museo d’Orsay.

Pittore intimista, isolato, padroneggia un linguaggio pittorico figurativo con una sintassi di idee volte all’assolutezza del racconto vivacizzato da forti accordi cromatici. Ha tenuto personali in Roma al Complesso del Vittoriano e di S. Salvatore in Lauro, alle scuderie Estensi di Tivoli, al Columbus Centre di Toronto.

Sul tema Sacro ha realizzato le illustrazioni per le “Litanie Lauretane” delle Edizioni Vaticane; pale di altare, arazzi per canonizzazioni; vetrate, mosaici e sculture in vari spazi sacri e, suoi dipinti, ritratti, opere grafiche, si trovano in diverse collezioni.

Il messaggio semplice e chiaro nel giorno dell’amore: la bellezza si ama non si violenta!

Ecco qui di seguito alcune foto della manifestazione mentre alcuni video della serata sono disponibili su SCREPmagazineTV (https://www.youtube.com/channel/UCjUmSUK0pGLLufzr8WDVAPg?view_as=subscriber) :

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui